Giusnaturalismo e Giuspositivismo

Appunto inviato da mediatrice
/5

Sintesi riguardante le due dottrine filosofiche - l'affermazione a partire dal XVI secolo - definizioni - gli effetti - Grozio : De Iure Belli ac Pacis e teoria contrattualistica - Hobbes: Leviatano e Contratto Sociale - Locke: il diritto naturale, la proprietà privata - Pufendorf: De iure natura et gentium e la distinzione tra diritto naturale e diritto positivo - Leibniz - Domat: Le leggi civili nel loro ordine naturale - Thomasius: Fondamenta iuris naturae et gentium (6 pagine formato doc)

Queste discipline si affermano nel 16° secolo. → solo a partire da questo momento esse influenzano in profondità lo svolgimento della cultura giuridica. Motivi: Il venir meno dell’unità medievale; È il periodo delle riforme protestanti; Erano iniziate le conquiste geografiche, quindi i nuovi orizzonti si erano ampliati; Presenza delle nuove grandi potenze coloniali(es.
Inghilterra, Francia…); GIUSNATURALISMO: a)Affermazione dell’esistenza di un diritto naturale che preesiste alle istituzioni politiche e sociali. b)Negazione di un ordine ontologico soprannaturale. c)Affermazione della libera soggettività dell’uomo come fonte di produzione del diritto(era già stata elaborata in passato,ma il giusnaturalismo abbandona la concezione religiosa). GIUSPOSITIVISMO: a)È diritto solo il diritto positivo(= quello contenuto nelle leggi ufficiali). b)La legge prevale sulle altre fonti. c)La legge è un sistema esauriente e privo di lacune. d)Il giudice deve svolgere una mera applicazione delle leggi(perché la legge è completa). EFFETTI DEL GIUSNATURALISMO: - influenza le riforme legislative e il processo di codificazione in Europa. - esistenza di un complesso di regole razionali di giustizia e di valori etico-sociali universali. il diritto naturale è diritto conforme alla ragione e alle tendenze socievoli dell’uomo(dal giusnaturalismo all’illuminismo). 1.1: Grozio.(1583- 1645) È considerato il padre del giusnaturalismo. Visse in Olanda in un periodo di guerre religiose. La sua opera principale è il De iure belli ac pacis(1625). → il fine dell’opera era di identificare una serie di principi generali e di regole fondate sulla ragione, che possono essere condivise da tutti gli uomini. = fondamento del diritto internazionale. Nell’opera veniva espressa l’idea che il fondamento del diritto naturale risiede nella natura razionale dell’uomo e non nel comando diretto di Dio(= il pensiero di Grozio è laico). Secondo questo autore esiste lo Stato presociale → gli uomini convivono pacificamente nel rispetto di alcune regole: Non appropriarsi indebitamente di beni altrui. Prestare fede ai patti conclusi. Risarcire il danno provocato colpevolmente. Grozio propone la teoria di un contratto sociale → è il contratto col quale i singoli decidono di tutelare la propria sfera di interessi delegando a un sovrano il potere di garantire e di far rispettare la propria situazione personale e patrimoniale. = nasce così la teoria contrattualistica. La moderna storiografia giuridica ha mostrato che gran parte dei concetti di Grozio derivano dal pensiero della Scolastica spagnola. ↓ Per questo motivo può sembrare fuorviante ritenere Grozio fondatore del giusnaturalismo moderno e del diritto internazionale. Tuttavia l’impianto complessivo delle sue opere è originale e su molti punti egli introduce elementi nuovi. 1.2: Hobbes.(1588- 1679) È di importanza.