"Il nuovo calcestruzzo" di Collepardi

Appunto inviato da razfirenze
/5

Sintesi de "Il nuovo calcestruzzo" di Mario Collepardi (32 pagine formato pdf)

Nella preistoria le costruzioni erano ottenute sovrapponendo ed accostando conci di pietra molto grossi (megaliti).
La malta è una miscela che contiene: acqua, legante e sabbia. Il calcestruzzo è una miscela di malta e aggregato
lapideo grosso (materiali supplementari sono: additivi chimici, fibre, aggiunte minerali). La funzione dell'acqua è di rendere plastica la miscela fresca e di reagire con il legante per produrre un materiale duro e rigido come una pietra artificiale.
Il legante è una polvere fine (granuli tra 10 μm e 100 μm): reagisce con l'acqua e nel giro di qualche ora non è più modellabile (presa), e successivamente si indurisce (indurimento) ed è capace nel giro di un paio di giorni di
sopportare sollecitazioni senza subire alcun danno prima di arrivare al collasso. Il legante moderno prende il nome di cemento.
In passato era formato da gesso o calce, pozzolana e calce idraulica.


La sabbia è un materiale granulare con particelle comprese tra 0,1 e 5 mm.
La malta può essere utilizzata come malta di allentamento per collegare tra loro pietre o mattoni e formare un giunto adesivo, per rivestire superficialmente un manufatto strutturale verticale (intonaco) per migliorare l'aspetto
o proteggerlo da agenti aggressivi ambientali.
Il calcestruzzo contiene aggregato grosso con granuli tra 5 e 30 mm (raramente fino a 150 mm): solitamente ghiaia (tondeggiante e liscia, disponibili nei depositi alluvionali), pietrisco (da frantumazione di rocce, con contorno irregolare e spigoloso). Analogamente si distingue sabbia naturale e artificiale. Il ghiaietto (naturale) o pietrisco (artificiale) con dimensione compresa tra 5 e 10 mm. In passato sono stati usati aggregati grossi (150- 300 mm) e un aggregato fine noto come cocciopesto (in parziale sostituzione di pozzolana).


L'aggregato lapideo per il ruolo passivo è detto inerte , utilizzato per ridurre il costo (legante ottenuto da processi di cottura a 900°-1400°C) e minor deformazione per un maggior modulo elastico rispetto alla pasta cementizia e
minor ritiro igrometrico.
Evoluzione del calcestruzzo è scandita dalla scoperta di nuovi leganti: legante aereo (indurimento e resa in servizio solo se esposto all'aria e in assenza di acque naturali), legante idraulico (indurimento anche in assenza di
aria e resistente all'azione dilavante dell'acqua).