Le lingue germaniche antiche e la loro classificazione

Appunto inviato da acidalien
/5

Descrizione dettagliata delle varie classificazioni delle lingue germaniche antiche. E' la risposta ad una delle due domande fisse della prova scritta per il modulo A di Filologia Germanica presso Roma TorVergata. (1 pagine formato doc)

Procedendo con l’impiego del metodo storico–comparativo, così come si è giunti alla ricostruzione della Ursprache o Protoindoeuropeo, analizzando i tratti comuni che intervengono a differenziare le lingue germaniche dalle altre lingue indoeuropee, si possono individuare i tratti distintivi di uno stadio linguistico preistorico non attestato, detto per analogia Protogermanico.
Ovviamente essendo una lingua ricostruita, data la mancanza di documenti scritti, non può essere identificata nella sua totalità con la lingua parlata dalle tribù indoeuropee stanziate in Scandinavia nell’antichità. Neanche lo studio delle epigrafi runiche che testimoniano l’esistenza di una lingua runica comune possono aiutare a definirla, dato che anche le più antiche testimoniano una situazione linguistica già differenziata. Per questo si preferisce procedere ad una classificazione basata su criteri geografici, sebbene a scapito delle isoglosse. Sulla base degli insediamenti delle tribù germaniche in età storica si sono perciò distinti tre gruppi linguistici principali: IL GRUPPO ORIENTALE – Gotico e parlate non documentate di Eruli, Gepidi, Rugi, Bastarni, Burgundi e Vandali; IL GRUPPO SETTENTRIONALE – Rappresentato in fase antica dall’ Antico Nordico, dal quale successivamente derivarono lo Svedese, il Danese, il Norvegese e l’Islandese; IL GRUPPO OCCIDENTALE – Dialetti Basso Tedeschi (Sassone, Basso Franco), Alto Tedeschi (Tedesco Superiore con Alemanno, Bavarese e Langobardo e Tedesco Centrale con Franco Superiore e Franco Centrale), Inglese (più dialetti) e Frisone. Una classificazione basata su affinità etnico-culturali ed applicabile alla sfera linguistica con le dovute cautele era stata proposta da Tacito sulla scia di Plinio il vecchio, e vedeva i Germani divisi in Ingvèoni (Cimbri, Cauci e Teutoni), Ermìnoni (Langobardi, Sèmnoni, Hermunduri e Marcomanni) e Istvèoni (Batàvi, Ubii, Camàvi, Brùtteri, Cherusci ecc…)..