Differenziazione cinestesica

Appunto inviato da argentatvb
/5

Relazione completa anche di esercizi sulla differenziazione cinestesica attraverso esercizi a corpo libero da svolgere in palestra (10 pagine formato doc)

Obiettivo
Sviluppo della capacità di differenziazione cinestesica attraverso esercizi a corpo libero

Introduzione e presentazione dell'obiettivo

Riferimenti scientifici

La capacità di differenziazione cinestesica è compresa all'interno di quelle capacità cosiddette coordinative speciali, cioè tutte le capacità che compongono il bagaglio di informazioni utili per sviluppare una corretta motricità sportiva.
"La capacità di differenziazione cionestesica è la presa di coscienza del tono muscolare e la relativa capacità di dosarlo al fine di coordinare il giusto grado di tensione di interventi segmentari o parziali; permette di gestire le giuste alternanze di contrazione e rilasciamento muscolare e il dosaggio di tensione per ogni componente muscolare parziale.
È una capacità che permette di graduare la forza e questo la rende importante per tutti i movimenti di coordinazione e di precisione" ( Casolo, Lineamenti di teoria e metodologia del movimento, V&P Università, Milano, 2004, pag.135).
"La capacità di differenziazione cinestesica è la qualità che permette di distinguere, valutare e definire gli impulsi in arrivo, la loro elaborazione, la trasmissione di impulsi per l'esecuzione del movimento e l'azione motoria realizzata" (Allenamento infantile, S.S.S.
Roma, pag.76)
"L'analizzatore cinestesico è costituito da propriocettori posti nell'apparato locomotore che sono in grado di segnalare immediatamente ai centri superirori le modificazioni che avvengono a livello muscolare, tendineo, legamentoso e articolare durante il movimento. Caratteristica è l'elevata capacità di differenziazione degli stimoli" (Centri di avviamento allo sport, Le capacità coordinative e la resistenza, S.S.S. Roma, pag.40).