Artrite reumatoide infantile - Interventi sulle parti molli extra-articolari

Appunto audio Durata: 2 min 6 sec
Descrizione

Gli interventi sulle parti molli extra-articolari hanno lo scopo di risolvere le rigidità articolari, specie se in posizione funzionalmente sfavorevole e consentire una maggiore escursione del movimento. Si possono suddividere in tenotomie ed allungamenti tendinei. Le tenotomie vengono più frequentemente eseguite sull'anca e sul ginocchio. Nelle localizzazioni all'anca dell'artrite reumatoide si verifica frequentemente un atteggiamento antalgico in adduzione ed intrarotazione, con notevole limitazione della mobilità articolare.

Tipologia

Università

Testo completo

Gli interventi sulle parti molli extra-articolari hanno lo scopo di risolvere le rigidità articolari, specie se in posizione funzionalmente sfavorevole e consentire una maggiore escursione del movimento.
Si possono suddividere in tenotomie ed allungamenti tendinei.
Le tenotomie vengono più frequentemente eseguite sull'anca e sul ginocchio. Nelle localizzazioni all'anca dell'artrite reumatoide si verifica frequentemente un atteggiamento antalgico in adduzione ed intrarotazione, con notevole limitazione della mobilità articolare.
La tenotomia degli adduttori riduce notevolmente il dolore e consente la ripresa della funzione articolare. Per meglio raggiungere questo obiettivo si dovrebbe associare l'enervazione anteriore dell'anca.
Nel ginocchio la rigidità in flessione può essere corretta dalla tenotomia dei due gemelli e dalla capsulotomia posteriore. La tenotomia, sia nell'anca che nel ginocchio, oltre a consentire una migliore escursione articolare, favorisce la ripresa della deambulazione, diminuisce il dolore e, a distanza di tempo, consente anche il miglioramento delle lesioni cartilaginee e subcondrali, nelle articolazioni coinvolte.
L'allungamento dei tendini viene eseguito soprattutto per i tendini delle dita delle mani e dei piedi e per il tendine d'Achille, quando è presente un atteggiamento in equinismo.