Artrite reumatoide infantile - Interventi sullo scheletro

Appunto audio Durata: 1 min 52 sec
Descrizione

Gli interventi sullo scheletro, particolarmente sulle ossa lunghe degli arti inferiori, hanno lo scopo di correggere le deviazioni assiali che si sono eventualmente prodotte durante la crescita ed in conseguenza della malattia; di correggere la tendenza all'iperallungamento degli arti inferiori, quando sia asimmetrica; di modificare gli assi di carico per spostare il peso del corpo su zone dell'articolazione meno danneggiate.

Tipologia

Università

Testo completo

Gli interventi sullo scheletro, particolarmente sulle ossa lunghe degli arti inferiori, hanno lo scopo di correggere le deviazioni assiali che si sono eventualmente prodotte durante la crescita ed in conseguenza della malattia; di correggere la tendenza all'iperallungamento degli arti inferiori, quando sia asimmetrica; di modificare gli assi di carico per spostare il peso del corpo su zone dell'articolazione meno danneggiate.
Le epifisiodesi vengono eseguite più frequentemente a livello del femore distale e della tibia prossimale. Per la correzione della deviazione assiale vengono applicate in modo asimmetrico; nel caso di iperallungamento, devono circondare, per quanto possibile, la cartilagine di coniugazione.
L'intervento è poco impegnativo per il paziente e dà buoni risultati a distanza di tempo purché l'accrescimento sia ancora in fase attiva e quindi utile per la correzione.
Le osteotomie vengono eseguite per modificare gli assi di carico in una articolazione compromessa e per correggere le eventuali deviazioni prodotte dalla malattia, durante la crescita, quando l'epifisiodesi non è più possibile o quando si ritiene più utile o necessario ottenere la correzione in tempi brevi.