Auschwitz

Appunto audio Durata: 3 min 3 sec
Descrizione

Facevano parte del complesso tre lager principali e 39 sottocampi di lavoro. La superficie di interesse del campo (Interessengebiet), con sempre nuove espropriazioni forzate e demolizioni delle proprietà degli abitanti residenti, arrivò a raggiungere, dal dicembre 1941, la superficie complessiva di circa 40 chilometri quadrati. All'interno di questa superficie avevano sede anche alcune aziende agricole e di allevamento modello volute personalmente da Himmler e nella quale venivano impiegati deportati.

Tipologia

Superiori

Testo completo

Facevano parte del complesso tre lager principali e 39 sottocampi di lavoro. La superficie di interesse del campo (Interessengebiet), con sempre nuove espropriazioni forzate e demolizioni delle proprietà degli abitanti residenti, arrivò a raggiungere, dal dicembre 1941, la superficie complessiva di circa 40 chilometri quadrati. All'interno di questa superficie avevano sede anche alcune aziende agricole e di allevamento modello volute personalmente da Himmler e nella quale venivano impiegati deportati.
I lager principali erano:
- Auschwitz I o Stammlager (lager principale): l'originario campo di concentramento operativo dal 14 giugno 1940 e, seppur con diverse organizzazioni che si susseguirono negli anni, centro amministrativo del complesso. Il numero di prigionieri rinchiuso in questo campo fluttuò tra le 15.000 e le oltre 20.000 unità. Qui furono uccise circa 70.000 persone, per lo più intellettuali polacchi e prigionieri di guerra sovietici.
- Auschwitz II - Birkenau o Vernichtungslager (campo di sterminio): il campo di sterminio nel quale persero la vita circa un milione di persone, per lo più ebrei e zingari, oltre che ospitare fino a 100.000 internati utilizzati per il lavoro coatto. Il campo fu operativo dall'8 ottobre 1941, ed era situato nella cittadina di Brzezinka.
- Auschwitz III - Monowitz, sede del complesso industriale Buna Werke, o Arbeitslager (campo di lavoro): fu il principale campo di lavoro che gravitava attorno al complesso industriale per la produzione di derivati del carbone, proprietà della I.G. Farben. Il campo fu operativo dal 31 ottobre 1942 ed ospitò fino a 12.000 internati.
Il campo di concentramento di Auschwitz è oggi un luogo dedicato alla memoria delle vittime che lì vennero uccise. In Germania, dal 1996, il 27 gennaio, giorno della liberazione di Auschwitz, è la giornata ufficiale del ricordo delle vittime del nazionalsocialismo; ed anche in Italia la stessa data è ricordata come Giorno della Memoria.