Diritto in alto medievo

Appunto audio Durata: 3 min 15 sec
Descrizione

Le fonti prevalenti in questo periodo storico sono le consuetudini e le leggi dei regni: Il termine nazione è di origine germanica ed era usato da i veri gruppi per identificarsi tra loro. Proprio tra le popolazioni germaniche nasce il concetto di famiglia concepita militarmente, comandata da tutti i maschi che sanno usare le armi in battaglia (considerato requisito unico e necessario per raggiungere la maggiore età). Era una famiglia molto allargata ma molto democratica poiché vi era un solo capo a cui spettava decidere in caso d’urgenza mentre in tutti gli altri casi era l’assemblea degli uomini che portano le armi. Finite le guerre ogni clan comincia a governarsi da sola, la figura del re è solo per i casi di emergenza e ogni volta il re era eletto direttamente dall’assemblea.

Tipologia

Università

Testo completo

Le fonti prevalenti in questo periodo storico sono le consuetudini e le leggi dei regni:

Il termine nazione è di origine germanica ed era usato da i veri gruppi per identificarsi tra loro. Proprio tra le popolazioni germaniche nasce il concetto di famiglia concepita militarmente, comandata da tutti i maschi che sanno usare le armi in battaglia (considerato requisito unico e necessario per raggiungere la maggiore età). Era una famiglia molto allargata ma molto democratica poiché vi era un solo capo a cui spettava decidere in caso d’urgenza mentre in tutti gli altri casi era l’assemblea degli uomini che portano le armi. Finite le guerre ogni clan comincia a governarsi da sola, la figura del re è solo per i casi di emergenza e ogni volta il re era eletto direttamente dall’assemblea.

Tra i nuovi istituti uno tra i più importanti è senz’altro l’istituzione del feudo  e del castello (luogo di difesa e di esercizio del diritto pubblico) creato per rispondere a necessità economico sociale e creato anche questo dalle consuetudini.
Proprio in questo periodo si verificano le prime ondate di migrazione dei popoli germanici,  nell’VIII secolo si verificano le prime invasioni arabe in Sicilia, successivamente, nel IX-X secolo, gli Ungari invadono il nord Italia e per ultimi i Normanni.

Le continue invasioni dei popoli di stirpe  germanica nel territorio romano portarono ad una progressiva caduta del sacro romano impero (476 d.C.) e un lento ma continuo cambiamento del diritto e dei suoi istituti.
La mutazione radicale indotta dagli stanziamenti di regni indipendenti nel territorio romano pose  molti problemi di convivenza di diritti diversi  e nello stesso tempo di controllo dei vinti da parte dei vincitori.  Per tentare di arginare il problema si decise di tenere separato il diritto dei romani (vincitori) dal diritto, prevalentemente consuetudinario, dei popoli germanici (vinti).
                              
In un medesimo ordinamento, vigono leggi diverse applicate con riguardo alla nazionalità delle persone, con eccezione delle norme di diritto pubblico e penale che sono invece uniformi in tutto il regno. Il problema sorge nei casi in cui le parti appartengono a nazionalità diverse, quale legge è applicabile nei rapporti misti? Vi è problema di conflitto di leggi nello spazio.
 Per assicurarsi il mantenimento delle proprie consuetudini ogni regno, anche se in tempi diversi, giunse a dotarsi del proprio codice scritto di norme nei quali si trascrivevano soprattutto le consuetudini, facendole così diventare leggi, ma si inserivano anche molte norme appartenenti al diritto romano.