Domiziano come innovatore

Appunto audio Durata: 2 min 2 sec
Descrizione

Nel dettare una volta una lettera, Domiziano la iniziò così: «il nostro signore e nostro dio ordina quanto segue». Dominus et deus esprimevano la volontà del Principe di essere un monarca assoluto, quasi alla orientale. Egli evitava di mostrarsi familiare con i suoi sudditi, e veniva sempre dato un carattere sacro alla sua persona sia attraverso il fatto che portava sempre la porpora trionfale, sia tramite gli epiteti che gli venivano conferiti dai poeti, che dicevano che i suoi occhi o anche la sua stessa voce fossero divine, e anche con l’erezione della sua statua equestre al centro del Foro o dall’istituzione di riti orientali come il bacio dei piedi.

Tipologia

Università

Testo completo

Nel dettare una volta una lettera, Domiziano la iniziò così: «il nostro signore e nostro dio ordina quanto segue». Dominus et deus esprimevano la volontà del Principe di essere un monarca assoluto, quasi alla orientale. Egli evitava di mostrarsi familiare con i suoi sudditi, e veniva sempre dato un carattere sacro alla sua persona sia attraverso il fatto che portava sempre la porpora trionfale, sia tramite gli epiteti che gli venivano conferiti dai poeti, che dicevano che i suoi occhi o anche la sua stessa voce fossero divine, e anche con l’erezione della sua statua equestre al centro del Foro o dall’istituzione di riti orientali come il bacio dei piedi.
Tutte queste cose scandalizzavano ancora, ma di qui ad un secolo nessuno ci avrebbe fatto più caso. Sul momento, però, esse urtarono la maggioranza dei senatori.
- In politica militare, per la prima volta dopo Augusto egli aumentò il soldo dei pretoriani, dei legionari e degli ausiliari. Così tutti questi gli furono favorevoli e, dopo la sua morte, pensarono anche di vendicarlo.
- In politica amministrativa, Con Domiziano si avviò una nuova politica tesa a rimpiazzare i liberti con i cavalieri nei posti dell’amministrazione centrale. È sempre a partire da lui che i funzionari superiori si videro affiancare un altro funzionario, di rango equestre, che doveva nello stesso tempo aiutarli e sorvegliarli.