Il moltiplicatore urbano

Appunto audio Durata: 1 min 40 sec
Descrizione

Nelle città dei paesi industrializzati un rapporto diretto fra occupazione e popolazione può essere assunto come regola generale. Occorre distinguere le due componenti dell’occupazione urbana: - Attività di base o esportatrici: quelle rivolte a soddisfare una domanda di beni e servizi esterni alla città; - Attività locali o al servizio della città: quelle che producono beni e servizi per la domanda interna.

Tipologia

Università

Testo completo

Nelle città dei paesi industrializzati un rapporto diretto fra occupazione e popolazione può essere assunto come regola generale.
Occorre distinguere le due componenti dell’occupazione urbana:
- Attività di base o esportatrici: quelle rivolte a soddisfare una domanda di beni e servizi esterni alla città;
- Attività locali o al servizio della città: quelle che producono beni e servizi per la domanda interna.
Queste due diverse componenti sommate insieme formano l’occupazione totale della città.
Il moltiplicatore della popolazione urbana è dato dalla Popolazione Urbana fratto l’Occupazione Totale della città.
Nelle diverse realtà urbane i valori di m, il moltiplicatore urbano, possono variare di parecchio, in relazione soprattutto al tasso di attività della popolazione, cioè al rapporto tra popolazione totale e occupata, ai tassi di disoccupazione o sottoccupazione locale, alla pressione migratoria esterna.
Il moltiplicatore però può anche funzionare in negativo, nei casi di crisi, in cui si riduce l’occupazione nelle attività di base.