Le abitazioni

Appunto audio Durata: 3 min 5 sec
Descrizione

La casa è l’unita ambientale elementare della città. Offre un riparo ai suoi occupanti, si estende su una porzione di suolo, deve essere dotata di certe infrastrutture fisiche, come vie d’accesso, acquedotti, fognature, e situata in modo da permettere un agevole accesso ai servizi elementari. La casa è normalmente considerata un bene non escludibile, ciò significa che accanto a un mercato della casa e a forme di produzione private, vi sono di regola modalità pubbliche di produzione e di distribuzione di questo bene.

Tipologia

Università

Testo completo

La casa è l’unita ambientale elementare della città. Offre un riparo ai suoi occupanti, si estende su una porzione di suolo, deve essere dotata di certe infrastrutture fisiche, come vie d’accesso, acquedotti, fognature, e situata in modo da permettere un agevole accesso ai servizi elementari.
La casa è normalmente considerata un bene non escludibile, ciò significa che accanto a un mercato della casa e a forme di produzione private, vi sono di regola modalità pubbliche di produzione e di distribuzione di questo bene.
Nelle città la casa presenta caratteristiche e problemi specifici, derivanti dal maggior costo del suolo; dal maggior numero di famiglie con capacità di spesa inferiori ai prezzi di mercato; dall’afflusso continuo di immigrati anch’essi poveri; dal sovraffollamento; dalla maggior mobilità residenziale delle famiglie e da una percentuale di abitazioni in affitto superiore alla media.
Il valore del suolo urbano non dipende generalmente da suoi caratteri naturali, in generale esso dipende dalla posizione, cioè dalle esternalità positive o negative di cui fruisce chi vi si insedia: accesso ai servizi, livello dei trasporti pubblici, sicurezza, qualità architettoniche.
Le esternalità della posizione sono in parte un dato a cui costruttori e abitanti si devono adattare, in parte possono essere prodotte dagli enti pubblici, con le infrastrutture e le normative di uso del suolo o dai promotori immobiliari.
Nelle posizioni migliori verranno quindi di regola costruite case di lusso e in quelle peggiori le case di minor qualità. Fra queste vanno comprese normalmente le case di edilizia pubblica.
Nelle città europee esistono di regola vasti “centri storici”con complessi di edifici di valore artistico. La regola è il restauro degli edifici, anche a uso residenziale. La centralità della posizione, unita ai costi elevati del recupero, li orienta verso le fasce alte del mercato.
Ancora nelle città europee si osservano isole di sviluppo “anomalo” rispetto al modello spaziale a cerchi concentrici della rendita urbana.
Si sono realizzate all’estrema periferia case o interi quartieri di edilizia pubblica. Questi nuclei vengono poi raggiunti dall’espansione urbana successiva e inglobati nel tessuto urbano.