Osteoartriti acute e artriti acute sierose

Appunto audio Durata: 2 min 24 sec
Descrizione

Le osteoartriti acute dell'età evolutiva si distinguono da quelle del neonato per la maggior compromissione dello stato generale e per il maggior impegno locale. La terapia medica è simile a quella del neonato; oltre alle cure generali è spesso utile somministrare l'antibiotico direttamente anche in articolazione, fino alla completa cessazione delle secrezioni sieropurulente. La terapia medica prevede tempi molto più lunghi di guarigione; per il successo della terapia è indispensabile la immobilizzazione dell'arto in posizione neutra, fino alla completa guarigione della fase acuta.

Tipologia

Università

Testo completo

Le osteoartriti acute dell'età evolutiva si distinguono da quelle del neonato per la maggior compromissione dello stato generale e per il maggior impegno locale.
La terapia medica è simile a quella del neonato; oltre alle cure generali è spesso utile somministrare l'antibiotico direttamente anche in articolazione, fino alla completa cessazione delle secrezioni sieropurulente.
La terapia medica prevede tempi molto più lunghi di guarigione; per il successo della terapia è indispensabile la immobilizzazione dell'arto in posizione neutra, fino alla completa guarigione della fase acuta.
Le artriti acute sierose si manifestano più di frequente all'anca e si traducono in una caratteristica claudicazione dolorosa. L'evoluzione, malgrado la ripetizione degli esami, non mette in evidenza alcuna lesione secondaria.
Allo stesso tempo il miglioramento clinico va di pari passo con la negatività dei controlli ed il bambino recupera mobilità ed andatura normale.
Il decorso della sinovite sierosa acuta è benigno e la malattia si risolve nel corso di pochi giorni, con il solo accorgimento di sottrarre il carico.
Quattro o sei giorni sono generalmente sufficienti per la ripresa dell'appoggio.
La terapia antibiotica nelle osteomieliti e nelle osteoartriti dell'età neonatale si può schematizzare nel seguente modo: terapia antibiotica a largo spettro fino alla evidenza del germe responsabile ed all'esecuzione dell'antibiogramma; terapia antibiotica mirata. Gli antibiotici da preferire sono Cefalotina, Cefaloxina, Cefuroxime, Cefataxime o Penicillina G. Per i ceppi resistenti si consiglia l'uso di Oxacillina, Clindamicina e Vancomicina.