Popolazione e crescita urbana nel mondo

Appunto audio Durata: 1 min 56 sec
Descrizione

Secondo i dati della Divisione popolazione delle Nazioni Unite, nell'ultimo decennio del 900, 45 abitanti su 100 vivevano in aree urbane. Che cosa spinge la popolazione a trasferirsi nella città o nelle immediate vicinanze di essa? Anzitutto: il fatto che in un’economia moderna i redditi dell’agricoltura, attività tipica delle campagne, crescono molto meno rapidamente di quelli delle altre attività; in molte regioni dei paesi sottosviluppati il sovraffollamento delle campagne è tale da condannare alla morte per fame una parte della popolazione; nei paesi a economia avanzata l’occupazione nell’agricoltura si è continuamente ridotta perché il lavoro è svolto dalle macchine.

Tipologia

Università

Testo completo

Secondo i dati della Divisione popolazione delle Nazioni Unite, nell'ultimo decennio del 900, 45 abitanti su 100 vivevano in aree urbane.
Che cosa spinge la popolazione a trasferirsi nella città o nelle immediate vicinanze di essa?
Anzitutto: il fatto che in un’economia moderna i redditi dell’agricoltura, attività tipica delle campagne, crescono molto meno rapidamente di quelli delle altre attività; in molte regioni dei paesi sottosviluppati il sovraffollamento delle campagne è tale da condannare alla morte per fame una parte della popolazione; nei paesi a economia avanzata l’occupazione nell’agricoltura si è continuamente ridotta perché il lavoro è svolto dalle macchine.
Un altro fattore è più complesso: si tratta di maggiori opportunità di formazione e di ascesa sociale per se stessi e soprattutto per la prole, di livelli più elevati di consumi, di maggiori comodità, più divertimento, vita sociale più intensa.
Nei paesi sottosviluppati anche le baraccopoli poste ai margini della città offrono maggiori vantaggi rispetto alle arretrate campagne.
Così le masse rurali continuano ad affluire in città, pur sapendo che pochi troveranno lavoro e molti saranno gli esclusi e gli emarginati.