Qualita di vita e ambiente

Appunto audio Durata: 2 min 6 sec
Descrizione

Tutti sono d’accordo nel ritenere che esistano quartieri migliori degli altri, quando però si passa a valutare i singoli casi, e soprattutto cercare criteri di misura generali, intervengono valutazioni soggettive diverse. Nonostante ciò si sono tentati confronti fra quartieri e città basati su indicatori “oggettivi” e si sono fatte graduatorie basate sulla frequenza delle valutazioni soggettive ottenute intervistando campioni di abitanti.

Tipologia

Università

Testo completo

Tutti sono d’accordo nel ritenere che esistano quartieri migliori degli altri, quando però si passa a valutare i singoli casi, e soprattutto cercare criteri di misura generali, intervengono valutazioni soggettive diverse.
Nonostante ciò si sono tentati confronti fra quartieri e città basati su indicatori “oggettivi” e si sono fatte graduatorie basate sulla frequenza delle valutazioni soggettive ottenute intervistando campioni di abitanti.
Fra gli indicatori troviamo:
- condizioni abitative: qualità della casa, luminosità, affollamento, privacy, accesso ai servizi primari, accesso al trasporto pubblico, accesso a spazi verdi pubblici;
- condizioni fisiche: traffico, rumore, inquinamento atmosferico;
- condizioni di vicinato: segregazione etnica, criminalità;
- paesaggio: qualità architettonica e urbanistica, riconoscibilità dei luoghi, arredo urbano, caratteri del sito.
Attribuendo punteggi a questi vari indicatori e sommandoli per ogni unità di vicinato, si ottiene per l’intera città una distribuzione di valori che nei paesi industrializzati può discostarsi da quella dei valori economici.
Di ancora più difficile interpretazione sono le misure della qualità della vita urbana, in quanto ancor più basate su valutazioni soggettive che dipendono da differenti ideologie urbane e come tali sono soprattutto utilizzate nel dibattito politico e nelle pubblicità immobiliari.