Riscossione, versamenti e rimborsi

Appunto audio Durata: 4 min 4 sec
Descrizione

Le imposte sui redditi possono essere pagate in tre modi: ritenuta diretta, è il caso delle imposte dovute sui redditi provenienti dallo Stato; versamenti diretti del contribuente alle sezioni di tesoreria provinciale dello Stato; iscrizione nei ruoli. L’estinzione del debito d’imposta avviene generalmente attraverso il versamento spontaneo da parte del contribuente. A decorrere dal 1998 è stato attivato il sistema della riscossione unificata che prevede un unico versamento da parte del contribuente delle imposte sui redditi, dell’IVA, dell’IRAP, delle imposte sostitutive sui redditi nonché dei contributi dovuti all’INPS a mezzo di un nuovo tipo di delega di pagamento, il modello F24. Per quanto riguarda certe imposte indirette (come ad esempio l’imposta di registro e le imposte ipotecarie e catastali) e per tutti i versamenti in favore di enti esterni all’amministrazione finanziaria (Comuni, uffici giudiziari, ecc.), si deve ricorrere ancora al modello F23.

Tipologia

Università

Testo completo

Le imposte sui redditi possono essere pagate in tre modi:
ritenuta diretta, è il caso delle imposte dovute sui redditi provenienti dallo Stato;
versamenti diretti del contribuente alle sezioni di tesoreria provinciale dello Stato;
iscrizione nei ruoli.

L’estinzione del debito d’imposta avviene generalmente attraverso il versamento spontaneo da parte del contribuente. A decorrere dal 1998 è stato attivato il sistema della riscossione unificata che prevede un unico versamento da parte del contribuente delle imposte sui redditi, dell’IVA, dell’IRAP, delle imposte sostitutive sui redditi nonché dei contributi dovuti all’INPS a mezzo di un nuovo tipo di delega di pagamento, il modello F24. Per quanto riguarda certe imposte indirette (come ad esempio l’imposta di registro e le imposte ipotecarie e catastali) e per tutti i versamenti in favore di enti esterni all’amministrazione finanziaria (Comuni, uffici giudiziari, ecc.), si deve ricorrere ancora al modello F23.

Il conto fiscale è uno strumento messo a disposizione di tutti i possessori di partita IVA al fine di regolare i rapporti creditori e debitori con l’amministrazione finanziaria. Su tale conto, che in linea di massima deve essere unico per ciascun soggetto, i concessionari registrano tutti i versamenti e i rimborsi relativi all’IRPEF, all’IRPEG, all’IRAP e all’IVA, alle imposte sostitutive, alle imposte versate in base a dichiarazioni integrative e alle ritenute alla fonte. L’agevolazione di maggior rilievo riconosciuta agli intestatari del conto fiscale consiste nella possibilità di chiedere, tramite un apposito modello, il rimborso delle imposte risultanti dalla dichiarazione. Il rimborso viene effettuato esclusivamente mediante bonifico bancario con accredito sul conto corrente indicato dal contribuente. Il ricorso alla procedura di rimborso tramite conto fiscale è, comunque, destinato a scemare in conseguenza della possibilità di compensare crediti e debiti d’imposta ai sensi del D.Lgs. 241/97.    

Mediante tale sistema si riscuotono:
1. le imposte per le quali non è prevista alcuna ritenuta diretta;
2. le somme per le quali non è previsto o non è già stato effettuato in tutto o in parte il versamento diretto;
3. le somme dovute per interessi o sanzioni.
La riscossione delle imposte è affidata ai concessionari della riscossione, società per azioni con determinati requisiti tecnici e organizzativi che possano garantire un servizio di riscossione efficiente ed affidabile (es. le Banche).
Questi ricevono dall’Amministrazione finanziaria i ruoli, ovvero l’elenco dei debitori e delle somme da loro dovute.  L’intimazione ad adempiere l’obbligo risultante dal ruolo è contenuta nella cartella di pagamento. Il concessionario deve provvedere alla notifica della cartella esattoriale entro l’ultimo giorno del quarto mese successivo a quello di consegna del ruolo. Il debitore deve adempiere entro sessanta giorni dalla notificazione, pena l’esecuzione forzata. Il ruolo, è bene ricordare, costituisce titolo esecutivo sia per le imposte dirette che per quelle indirette.