Sintomatologia clinica della displasia

Appunto audio Durata: 4 min 14 sec
Descrizione

La sintomatologia clinica della displasia si può schematizzare nei suoi segni clinici che chiamiamo di Presunzione, di Probabilità e di Certezza. Segni clinici di PRESUNZIONE sono quelli che fanno porre un sospetto di displasia e sono rappresentati dalla asimmetria della rima vulvare (non presente se bilaterale), delle pieghe delle cosce, dalla positività dell'anamnesi familiare e dalla presenza di altre malformazioni. Segni di PROBABILITA' sono messi in evidenza da alcune manovre semeiologiche che sono positive in presenza di lassità dei legamenti dell'articolazione dell'anca ed in presenza del "neo limbus". Sono caratteristiche la manovra dello stantuffo, la ipermobilità dell'articolazione dell'anca e la manovra dello scatto di Ortolani.

Tipologia

Università

Testo completo

La sintomatologia clinica della displasia si può schematizzare nei suoi segni clinici che chiamiamo di Presunzione, di Probabilità e di Certezza.
Segni clinici di PRESUNZIONE sono quelli che fanno porre un sospetto di displasia e sono rappresentati dalla asimmetria della rima vulvare (non presente se bilaterale), delle pieghe delle cosce, dalla positività dell'anamnesi familiare e dalla presenza di altre malformazioni.
Segni di PROBABILITA' sono messi in evidenza da alcune manovre semeiologiche che sono positive in presenza di lassità dei legamenti dell'articolazione dell'anca ed in presenza del "neo limbus". Sono caratteristiche la manovra dello stantuffo, la ipermobilità dell'articolazione dell'anca e la manovra dello scatto di Ortolani.
La manovra dello stantuffo si esegue traendo e poi spingendo indietro la coscia, ad anca estesa; l'anca può sublussarsi postero-superiormente e poi essere riportata in sede, con un caratteristico scatto. La lassità dell'articolazione è messa in evidenza dalla ipermobilità in abduzione dell'anca e in rotazione; è un segno di lassità e non di displasia evidente solo nello stadio di prelussazione. In presenza di sublussazione la mobilità diventa più limitata. Il segno dello scatto di Ortolani, se la manovra è ben eseguita, può dare la certezza della diagnosi. Il bambino deve essere adagiato in posizione supina con le anche e le ginocchia flesse a 90°. L'operatore afferra l'arto con la mano che avvolge il ginocchio, mentre il dito medio preme sul gran trocantere ed il pollice è appoggiato a livello del triangolo dello Scarpa. Da questa posizione esegue un movimento di abduzione e lieve extrarotazione, spingendo con il dito medio; l'anca sublussata scavalca il neolimbus e si porta in sede con una sensazione di scatto. La manovra successiva consiste nell'addurre l'anca, spingendo all'esterno con il pollice sul piccolo trocantere. L'anca displasica si sublussa con una sensazione a scatto perchè scavalca il neolimbus (manovra di Barlow). I falsi positivi, non rari, sono dovuti a lassità congenite articolari o a prematurità del neonato. Non rari anche i falsi negativi o per cattiva esecuzione della manovra o per una contrazione muscolare riflessa da parte del neonato che ostacola la corretta esecuzione della manovra. E' bene pertanto ripetere la manovra a distanza di giorni e di una, due settimane, pur tenendo presente che la manovra può diventare negativa dopo le prime settimane di vita.
Segni di CERTEZZA di displasia dell'anca, sono quelli rilevati dalla ecografia correttamente eseguita e dall'esame radiografico del bacino.
L'esame ecografico è oggi un'indagine di prima scelta per lo screening della displasia congenita dell'anca, durante i primi mesi di vita. Questo esame infatti permette di identificare, oltre alle strutture ossee, le strutture fibrocartilaginee dell'articolazione, in particolare la cartilagine ialina del tetto acetabolare (o ciglio cartilagineo), il labrum (o labbro glenoideo, o limbus), la capsula articolare e la testa femorale ancora cartilaginea, non sono riconoscibili nella radiografia. L'esame consente di evidenziare anche forme lievi di displasia o semplici ritardi di maturazione ossea e può offrire una visione dinamica. La tecnica è innocua e quindi si può ripetere senza rischio.