Giotto e l'arte del trecento: riassunto

Appunto inviato da disorderdivision
/5

l'arte nel trecento e descrizione delle maggiori opere di Giotto (1 pagine formato doc)

GIOTTO E L'ARTE DEL TRECENTO: RIASSUNTO.

Il trecento. Il trecento è da considerarsi epoca di crisi e di recessione. Gli sconvolgimenti portati in estremo Oriente dall’espansionismo mongolo, le conquiste ottomane e la conseguente crisi del regno latino d’Oriente che finirà nel 1453 con la perdita di Costantinopoli, bloccarono il flusso di ricchezze in Occidente. In questa fragile economia si inserirono eventi catastrofici come le carestie e la tremenda peste del 1348 che ridusse la popolazione europea di circa un terzo. Le istituzioni subiscono un’involuzione orientandosi verso forme signorili speso tiranniche e inoltre il secolo è spesso percorso da violente rivolte di contadini e di operari.
Le due grandi istituzioni medievali, l’Impero e il Papato, sono in crisi a fronte dell’avanzare degli stati nazionali. La cultura sviluppa un deciso distacco dalla realtà: la filosofia ritorna al pensiero platonico-agostiniano, gli interessi scientifici si affievoliscono a vantaggio di quelli letterari. È infatti il secolo della grande letteratura italiana con Dante, Petrarca e Boccaccio. Inoltre inizia il recupero della cultura classica. La nascita dell’umanesimo non significa sono amore per le lettere ma anche concepire in un contesto sociale, economico e morale degradato, un progetto di uomo e di società diverso, piu padrone del proprio destino.

Leggi anche Pittura senese: riassunto

GIOTTO E ARTE GOTICA: RIASSUNTO - Nel primo Trecento l’architettura sviluppa forme sempre piu fiorite ed ornamentali preludendo a quello che sarà il gotico internazionale. In scultura e pittura è l’operato dei grandi maestri a segnare le linee guida per tutto il secolo. Gli scultori del Trecento rivolgono un’attenzione sempre maggiore all’espressione dei sentimenti e all’osservazione della realtà. C’è un diffondersi di una nuova concezione sintetica dello spazio compositivo e di un nuovo colorismo basato sul rapporto luce-ombra, colore, spazio. Contribuisce inoltre a traghettare l’arte italiana dagli ultimi retaggi dell’eredità bizantina verso una sempre maggiore sensibilità per i materiali preziosi, per un disegno elegante e per un’analisi minuziosa del particolare.

Leggi anche Pittura gotica italiana: appunti

GIOTTO ARTE RIASSUNTO - Giotto. La storia dell’arte ha sempre puntato l’attenzione sulle innovazioni di Giotto nella costruzione di un nuovo spazio pittorico ma altrettanto significative sono le sue intuizioni sulla fusione tra la luce e il colore e tra la luce e lo spazio visivo prospettico. Nella cappella degli Scrovegni a Padova l’artista matura una teoria delle ombre e raffinate gradazioni cromatiche funzionali al raggiungimento di un’immagine il piu possibile reale. La sua concezione della pittura esprime  un visione nuova della società e del mondo che pone l’uomo al centro dell’universo conosciuto. Il pittore viaggiò moltissimo esercitando cosi un’influenza determinate sulle scuole delle diverse regioni. Leggi anche L'arte gotica nella scultura