La pittura italiana del duecento,Giotto

Appunto inviato da vil
/5

La pittura italiana del duecento,Giotto (1 pagine formato doc)

Uno dei più grandi maestri della pittura italiana fù Giotto,e ancora oggi la pittura segue le sue orme che consiste principalmente nell’organizzazione architettonica e segnatamente volumetrica dello spazio pittorico,;lui dipinge in maniera tridimensionale e quasi scultorea.
Giotto iniziò la sua prima vera opera di pittore nella Basilica superiore di Assisi nel 1280,indirizzato da Cimabue  che era colui che aveva riunito un gruppo di artisti per dipingere appunto la Basilica;tale contatto contribuì a stimolare in Giotto una sempre maggiore accentuazione dei volumi e una costante ricerca di spunti naturalistici.
Una caratteristica di Giotto è quella di lavorare sul bagnato,dunque “realmente a fresco”.
Una sua opera ad Assisi è Esaù respinto da Isacco:l opera mostra ogni elemento nella proprio solida tridimensionalità e il tutto è incorniciato;un'altra opera è il Crocifisso di Santa Maria Novella dove la realtà dei corpi diviene quasi plastificata.
La straordinaria personalità di Giotto si rivela più compiutamente negli affreschi successivi dove si raffigurano in ventotto scene le Storie di San Francesco;libero di impostare il programma Giotto immaginò le scene al di là di un grande portico ,formato da un architrave sostenuto da colonne.
Era un inquadratura che gli avrebbe consentito di evocare la profondità.
Giotto cala il santo in una dimensione storica,attuale e anche gli abiti sono contemporanei(da qui l’abitudine ad inserire figure vestite alla moda).
I personaggi compiono gesti naturali e tale naturalezza contribuisce a conferire ulteriore verità al già concreto spazio circostante.
Una grande scoperta di Giotto,a parte la tridimensionalità,è il recupero della correttezza anatomica come nell’affresco “la rinuncia ai beni” dove si nota anche l ‘intensità espressiva.
Oltre ad Assisi,Giotto lavorò a Firenze,a Roma,a Padova,a Rimini,producendo ovunque opere innovative e sempre coerenti con la personale ricerca artistica.
.