Le reazioni chimiche

Appunto inviato da lulumiao
/5

Un riassunto semplice e completo delle reazioni chimiche (13 pagine formato doc)

3.
REAZIONI CHIMICHE

UNA REAZIONE O TRASFORMAZIONE CHIMICA E’ UN FENOMENO CHE COMPORTA CAMBIAMENTI DELLA NATURA DELLE SOSTANZE E VARIAZIONI ENERGETICHE.
CONSIDERIAMO PER ESEMPIO, QUESTE SEMPLICI TRASFORMAZIONI:
2H2 + O2 → 2 H20                                 N2+3H2 → 2NH3
E ANCHE:
GRAFITE → DIAMANTE                   OSSIGENO → OZONO

LE PRIME DUE APPAIONO CHAIRAMENTE COME REAZIONI CHIMICHE: DUE ELEMENTI SI COMBINANO PER DARE UN UNICO COMPOSTO. ANCHE LE ALTRE DUE PERO’ SONO REAZIONI CHIMICHE.
IL DIAMANTE E LA GRAFITE SONO FORMATI ENTRAMBI DA ATOMI DI CARBONIO, COSI’ COME L’OZONO E L’OSSIGENO SONO FORMATI DA ATOMI DI OSSIGENO.
PERCIO’ UNA REAZIONE CHIMICA E’ UNA TRASFORMAZIONE DELLE SOSTANZE SOLO IN QUANTO, E SOLO SE, AVVENGONO TRASFORMAZIONI DEI LEGAMI.


3.1 LE REAZIONI E L’ENERGIA
LE REAZIONI POSSONO ESSERE RAGGRUPPATE IN DUE GRANDI CATEGORIE:

LE REAZIONI ESOTERMICHE: SVILLUPPO DI CALORE
2H2(g)+O2(g) → 2H20(g)+483,6 KJ

LE REAZIONI ENDOTERMICHE: ASSORBIMENTO DI CALORE
N2(g)+O2(g)+180.7 kJ→2NO(g)

LE SOSTANZE DI PARTENZA IN UNA REAZIONE CHIMICA VENGONO CHIAMATE REAGENTI, MENTRE LE SOSTANZE CHE SI FORMANO PRENDONO IL NOME DI PRODOTTI.


LA QUANTITA’ DI CALORE LIBERATO O ASSORBITO NEL CORSO DI UNA REAZIONE INDICA UNA VARIAZIONE DELL’ENERGIA CHIMICA DELLE SOSTANZE IMPLICATE. L’ UNITA’ DI MISURA DEL CALORE, NEL SISTEMA INTERNAZIONALE, E’ IL JOULE. SE I REAGENTI SI TRASFORMANO IN PRODOTTI AVENTI ENERGIA CHIMICA MINORE, LA DIFFERENZA DI ENERGIA SI LIBERA COME CALORE. VICEVERSA, L’ASSORBIMENTO DI CALORE PERMETTE LA TRASFORMAZIONE DI SOTANZE IN ALTRE CON CONTENUTO DI ENERGIA CHIMICA MAGGIORE.
DI SOLITO LA FORMAZIONE DI UN COMPOSTO AVVIENE CON SVILLUPPO DI CALORE: CIO’ SIGNIFICA CHE IL PRODOTTO POSSIEDE MENO ENERGIA E PERCIO’ E’ PIU’ STABILE DEI SUOI ELEMENTI COSTITUTIVI.