La nomenclatura

Appunto inviato da bonny19
/5

Descrizione dei tre tipi di nomenclature (2 pagine formato doc)

LA NOMENCLATURA
Esistono tre tipi di nomenclature: la nomenclatura IUPAC, la tradizionale e quella di Stock.
La nomenclatura IUPAC è molto immediata e razionale, cioè rispecchia fedelmente la composizione chimica dei composti, mettendo in evidenza gli atomi da cui è formato.
Questi atomi vengono indicati con i prefissi di-, tri-, tetra-, ecc...
La nomenclatura tradizionale si basa sulla distinzione degli elementi in metalli e non metalli. Si avvale inoltre di suffissi quali –oso e –ico per determinare quale N.O. deve essere assunto.
La nomenclatura di Stock prevede l’ indicazione del N.O.
come numero romano tra parentesi senza l’ uso di prefissi. Se il N.O. è unico non si scrive.


I COMPOSTI SENZA OSSIGENO
Sono composti binari, cioè formati da due diversi elementi, tra i quali non compare l’ ossigeno.
Secondo la nomenclatura tradizionale, sono composti senza ossigeno: 
- Gli idruri, formati da metallo ed idrogeno che rispondono alla formula generale MeHx e in cui l’ idrogeno ha sempre N.O. uguale a -1.
- Gli idracidi, composti da idrogeno e non metallo, rispondono alla formula generale 
  Hy non-Mex, dove l’ idrogeno ha N.O. uguale a +1. Si conoscono i seguenti idracidi:
HF o acido fluoridrico, HCl o acido cloridrico, HBr o acido bromidrico, HI o acido iodidrico,  
H2S o acido solfidrico e HCN o acido cianidrico.
- I Sali di idracidi, composti da metallo e non metallo, rispondono alla formula generale 
Mey non-Mex.