La famiglia

Appunto inviato da patti87
/5

I rapporti di parentela e di affinità; Il diritto di famiglia; La riforma; I diversi tipi di matrimonio; diritti e doveri tra i coniugi; il regime patrimoniale (12 pagine formato doc)

I RAPPORTI CONIUGALI La famiglia è un'aggregazione di persone legate da vincoli di affetto e solidarietà che costituisce l'elemento base dell'organizzazione sociale di ogni comunità.
La famiglia è considerata come luogo in cui si formano, si consolidano e si tramandano le regole della convivenza sociale. La famiglia si evolve con la società, risente dell'assetto economico e culturale del momento. È passata da un modello parentale, tipico della società contadina, a quello di famiglia di nucleare espressione della società industriale. La famiglia parentale era formata da un'ampia cerchia di soggetti non soltanto da coniugi e figli ma anche da parenti più lontani e affini; era considerata un'entità produttiva la cui efficienza dipendeva anche dalla disponibilità di braccia per lavorare. In seguito, non essendovi più i legami di necessità, sono prevalsi quelli dell'affetto e della solidarietà e il gruppo familiare si è ridotto sul nucleo essenziale, quello dei coniugi e dei figli.
Il ruolo dei singoli membri al suo interno si è mutato. Nella famiglia parentale vigeva l'assoluta autorità del capo famiglia; l'evoluzione dei modelli culturali e economici della società hanno modificato questa impostazione autoritaria favorendo l'affermarsi di una famiglia fondata sulla parità, il rispetto e la reciprocità di diritti e doveri dei coniugi. I rapporti di parentela e di affinità Rapporti di coniugio: tra marito e moglie Rapporti di parentela: sono parenti le persone legate da un vincolo di sangue che discendono l'una dall'altra con un rapporto di generazione ovvero discendono da uno stipite in comune. Rapporti di affinità: l'affinità è il vincolo che lega un coniuge con i parenti dell'altro.. La vicinanza dei soggetti nelle linee di parentela è indicata dai gradi ; questi si calcolano contando le generazioni che separano i parenti in linea diretta e quelle che conducono allo stirpe comune e che da questo discendono fino la parente in linea collaterale. Ad esempio padre e figlio sono parenti in linea diretta di primo grado nonno e nipote di secondo grado. Due fratelli sono parenti in linea collaterale di secondo grado. I fratelli sono detti germani quando hanno entrambi i genitori in comune, unilaterali quando ne hanno solo uno, si parla di uterini quando la madre è comune e consanguinei se è il padre. I cugini sono parenti collaterali di quarto grado. Zio e nipote intercorre un rapporto di parentela in linea collaterale di terzo grado. Il grado di affinità è quello di parentela del coniuge , ad esempio la sorella di mia moglie è affini di secondo grado. L'affinità non cessa con la morte del coniuge da cui deriva. L'obbligo degli alimenti. Tra i parenti e affini esistono legami di solidarietà che la legge ha voluto in certe situazioni, rendere obbligatori. In pratica chi versa in condizioni di bisogno e non è in grado di provvedere al proprio mantenimento può pretendere di essere aiutato da parenti e affini. I soggetti che sono obbligati a prestare gli alime