Diritto: l’ordinamento della Repubblica italiana

Appunto inviato da 19iaia86 Voto 5

Appunto di diritto che tratta della democrazia rappresentativa e diretta, dei sistemi elettorali, del parlamento, della funzione legislativa,del presidente della repubblica, del governo e della corte costituzionale (11 pagine formato doc)

Diritto Diritto: l'Ordinamento della Repubblica Italiana Lezione 1 - Democrazia rappresentativa e democrazia diretta Rappresentanza politica e corpo elettorale L'art. 1 della Cost. Dice che l'Italia è una repubblica democratica e che la sovranità appartiene al popolo. Il popolo esercita la propria sovranità principalmente attraverso al democrazia rappresentativa, ossia quella fondata sul rapporto governati-governanti dove i governanti sono eletti dai governati. Gli organi dello Stato rappresentato gli strumenti attraverso i quali il popolo esercita la propria sovranità ma gli organi elettivi seno più in stretto contato con il popolo grazie alle elezioni. Il popolo (insieme dei cittadini) agisce attraverso il corpo elettorale (insieme degli aventi il diritto al voto). I partiti politici: funzioni Il rapporto tra corpo elettorale e organi elettivi è mediato tra i partiti politici. I partiti politici svolgono funzioni di mediazione e di integrazione tra la società-civile e lo stato-apparato operando come collettori degli interessi della collettività elaborando programmi politici generali. Operano anche come canale di collegamento tra il popolo e il governo e viceversa. Agli elettori spetta quindi il compito di scegliere i candidati alle cariche più capaci e sostenere i programmi dei partiti a cui appartengono. I partiti devono rispettare i cosiddetto metodo democratico sia nella competizione politica con gli altri partiti sia nella loro struttura e forma interna in quanto devono rispettare determinati canoni democratici. I partiti svolgono un importante ruolo di formazione delle politica nazionale ed è possibile considerare necessaria la presenza di una pluralità di partiti in quanto se ci fosse un partito unico sarebbe impossibile tutelare le minoranze e ciò sarebbe contrario al principio democratico. In passato i partiti godevano di un finanziamento pubblico che garantiva loro una certa autonomia e per permettere loro di svolgere le loro funzioni. Ora tale finanziamento si limita a coprire le spese elettorali. Per quanto riguarda la questione all'accesso ai mezzi di comunicazione di massa, dalla necessità dei partiti di garantire pari opportunità (par condicio) di accesso a tali mezzi è stata introdotta una particolare disciplina nei periodi di campagna elettorale. Nozione e caratteri della rappresentanza politica La rappresentanza politica si concretizza nel mandato attribuito a determinati soggetti, attraverso un procedimento elettivo, per curare gli interessi generali della collettività. A differenza della rappresentanza giuridica, che è disciplinata dal diritto privato, che è una figura trilaterale (il rappresentante agisce per conto del rappresentato nei rapporti con i terzi), la rappresentanza politica è una figura bilaterale (gli eletti agiscono negli interessi degli elettori per i poteri che su di questi ricadono). Il mandato giuridico solitamente ha carattere particolare (riguarda una affare ben preciso) mentre il mandato politico ha car