Le banche, economia aziendale: definizione e funzioni

Appunto inviato da denyse88
/5

Riassunto di economia aziendale sulle banche: definizione, funzioni, l'attività bancaria, diversificazione dell'offerta, impiego fondi, estratto conto, prospetto competenze e spese relativo al c/c di un piccolo imprenditore (4 pagine formato doc)

LE BANCHE, ECONOMIA AZIENDALE: DEFINIZIONE E FUNZIONI

Dopo aver spiegato i motivi che hanno indotto le banche a diversificare le proprie offerte, analizzate sommariamente le diverse operazioni di impiego fondi.

Presentare l’estratto conto trimestrale, il riassunto scalare e il prospetto competenze e spese relative al c/c di corrispondenza di un piccolo imprenditore che ha compiuto 8 operazioni tra cui:
-    Bonifico bancario a favore di un fornitore
-    Pagamento mod. F24
-    Operazione postergata
-    Prelevamento allo scoperto.

Tesina di maturità sulle banche nelle economie avanzate


LA BANCA: DEFINIZIONE

Le banche sono aziende di produzione indiretta, operanti nel settore terziario, che realizzano il sistematico trasferimento nel tempo e nello spazio dei capitali raccolti e creano servizi idonei a soddisfare specifiche esigenze della clientela.
L’attività principale è quella dell’intermediazione creditizia, ossia l’attività che si occupa della raccolta di capitali presso i risparmiatori (operatori in avanzo), che dispongono di un surplus di risorse finanziarie da impiegare in modo fruttifero, e l’utilizzo degli stessi, sottoforma di prestiti, a favore dei soggetti (famiglie e imprese) che, essendo in una situazione di deficit, richiedono finanziamenti.

Tesina di maturità sulla banca


ATTIVITA' BANCARIA

Questa attività, quindi, rappresenta la funzione caratteristica delle banche e le attribuiscono la qualifica di “intermediatrici creditizie o finanziarie”, perché appunto le banche si pongono come punto di contatto tra persone che versano i loro risparmi (depositanti investitori) e persone che invece chiedono capitale in prestito per le loro più svariate esigenze (clienti affidati o finanziati).


Il principale vantaggio dell’intermediazione bancaria consiste nel fatto che i depositanti hanno la garanzia di poter rientrare rapidamente in possesso dei fondi versati, indipendentemente dalle esigenze degli utilizzatori. Questi ultimi, a loro volta, hanno l’opportunità di poter disporre di risorse finanziarie aventi caratteristiche di ammontare e di durata esattamente coincidenti con il loro fabbisogno.

L'attività bancaria: riassunto


LA BANCA E LE SUE FUNZIONI

Nell’ipotesi di credito diretto, invece, i risparmiatori che prestano direttamente alle imprese le somme di cui dispongono sopportano il rischio di insolvenza di queste ultime.
Le banche, insieme agli altri intermediari finanziari, promuovono il processo di allocazione del risparmio, agevolandone il trasferimento e indirizzandolo verso gli investimenti produttivi del sistema economico.
Il sistema bancario ha subito nel corso dei secoli un lungo processo evolutivo, infatti già nell’antichità si diffusero nuove attività commerciali e di scambio e questo processo portò dapprima lentamente, poi in modo più celere a nuovi metodi per lo sviluppo dell’attività bancaria.
Sin dagli inizi degli anni ’70 le banche hanno tentato di incrementare la raccolta di fondi o di ampliare la zona operativa, sviluppando l’intermediazione creditizia.

Economia aziendale: tesina di maturità


LE BANCHE: RIASSUNTO

Evoluzione dell'economia, avvenimenti politici e sociali provocarono una mutazione negli ultimi anni ‘70-’80 nel quadro generale di riferimento nel cui ambito si svolge l’attività bancaria caratterizzando l’odierna situazione attraverso i seguenti fenomeni:
-    Ristagno dell’intermediazione bancaria
-    Aumento concorrenza esterna (per la presenza di capitali di Stato: BTP...)
-    Aumento concorrenza interna.