Bilancio d'esercizio: riassunto

Appunto inviato da sarakka91
/5

Spiegazione semplice del bilancio d'esercizio: riassunto (2 pagine formato doc)

BILANCIO D'ESERCIZIO: RIASSUNTO

Il bilancio d’esercizio è un documento di derivazione contabile, con cui gli amministratori forniscono una rappresentazione della situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell’esercizio, tramite la compilazione di tre documenti quali Stato patrimoniale (art.

2424 del CC), Conto Economico (art. 2425 del CC) e Nota Integrativa (art. 2427 del CC).
Il bilancio è uno strumento di conoscenza della gestione e dei suoi risultati, e uno strumento di comunicazione di informazioni all’interno e all’esterno dell’azienda.
Ai sensi dell’articolo 2423 del Codice Civile, 2° comma (Clausola Generale), il bilancio d’esercizio deve essere redatto con chiarezza, ovvero la comprensibilità alla lettura da parte di coloro che possiedono nozioni contabili necessarie per comprendere come si è formato il reddito, e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società e il risultato economico dell’esercizio, ovvero non deve dare false informazioni al pubblico.

Tesina sulle teorie del bilancio


IL BILANCIO D'ESERCIZIO: ECONOMIA AZIENDALE

Per fare ciò, bisogna rispettare le norme di legge e applicare dei corretti principi contabili.
I principi di redazione del bilancio secondo il Codice Civile, ai sensi dell’art.

2423-bis sono: il principio della prudenza (cioè inserire in bilancio solo gli utili realmente conseguiti), il principio della continuità aziendale (cioè mantenere gli stessi criteri di valutazione), il principio della competenza (i costi e i ricavi vanno attribuiti all’esercizio a cui si riferiscono economicamente).
Sino al 2001 nel nostro paese funzionava un’apposita Commissione dei Consigli Nazionali dei Dottori commercialisti e dei Ragionieri (CNDCR), che ha elaborato dei principi contabili nazionali, ispirati agli IAS (International Accounting Standard). L’evoluzione e la rielaborazione delle IAS sono le IFRS (International Financial Reporting Standars). Per rendere compatibili i bilanci dell’Unione Europea si è deciso di recepire gli IAS/IFRS.
Gli IAS/IFRS, devono essere obbligatoriamente applicati dalle società che sono quotate in borsa, che emettono titoli, obbligazioni, ecc., dalle banche, e dalle imprese di assicurazioni. Queste ultime solo se sono quotate e non redigono il bilancio consolidato. Hanno, invece, l’applicazione facoltativa, tutte le altre società, tranne coloro che redigono il bilancio in forma abbreviata che non possono applicare gli IAS/IFRS.

Bilancio dello Stato: riassunto


BILANCIO D'ESERCIZIO: SPIEGAZIONE SEMPLICE

Ai sensi dell’art. 2426 del Cod. Civ., durante compilazione del bilancio d’esercizio,  nelle valutazioni devono essere osservati dei criteri di valutazione, utilizzando il criterio del costo, taluni, sono differenti dai Principi Internazioni Contabili, che si basano sull’essere più vicini alla realtà.
Riportando alcuni esempi, possiamo notare come le Immobilizzazioni Materiali, secondo il Codice Civile vanno rilevate al costo storico meno il fondo ammortamento, mentre secondo le IAS bisogna rivalutarle annualmente usando il Fair Value (o Valore equo)
Le Immobilizzazioni Immateriali, vanno sempre rilevate al costo storico meno il fondo ammortamento e alcuni costi pluriennali possono essere messi nell’attivo a patto di essere ammortizzati in 5 esercizi. Mentre secondo le Ias, possono essere iscritte nell’attivo, nelle Immobilizzazioni solo se esistono molte probabilità di ritorno economico, se no vanno inserite nel Conto Economico nella voce B) costi della produzione, voce 7) per servizi.
L’avviamento è un costo pluriennale e va nell’attivo se è stato acquistato a titolo oneroso. Mentre secondo le IAS, va inserito nell’attivo e andrà cancellato solo quando peggiorano le prospettive. Il magazzino va calcolato al minore tra il costo e il valore dell’andamento di mercato, e si può calcolare secondo il metodo LIFO, FIFO e costo medio. Secondo le IAS, si può utilizzare solo il metodo FIFO o con il costo medio.