gli obiettivi della politica economica

Appunto inviato da tittisuperstar
/5

Lo sviluppo economico equilibrato, La stabilità del valore della moneta, Il risanamento del debito pubblico... (1 pagine formato doc)

Untitled Gli obiettivi della politica economica Lo sviluppo economico equilibrato Lo sviluppo del sistema si verifica non in modo lineare ma a fasi alterne, fatte di alti e di bassi (cicli economici o fluttuazioni cicliche) e ciò è causa di gravi disagi per l'economia del Paese .
E' quindi obiettivo principale della politica economica quello di ridurre la frequenza e l'ampiezza delle oscillazioni , così da garantire una crescita equilibrata del sistema ( politica anticiclica). La ricchezza di un Paese può essere misurata in vari modi: Prodotto nazionale lordo (PNL), Prodotto interno lordo (PIL) se si vuole indicare il volume della produzione di beni e servizi realizzati nel Paese in un anno, mentre si parla di Reddito Nazionale (RN) per intendere la somma dei redditi percepiti dai produttori di beni e servizi in un anno ( in pratica, il valore in moneta dei beni e servizi prodotti) La redistribuzione dei redditi Lo scopo della politica redistributiva è di ridimensionare la disparità di redditi percepiti; ad esempio attraverso il prelievo fiscale, ai soggetti più facoltosi per finanziare le prestazioni concesse gratuitamente o quasi agli indigenti I criteri di ridistibuzione del RNL: Settoriale (settore primario, secondario e terziario) Territoriale (Nord, Centro e sud del Paese) Personale (tra le persone) Funzionale (tra i fattori produttivi) La stabilità del valore della moneta L'inflazione, cioè il tendenziale e inarrestabile aumento generale dei prezzi, implica la perdita di valore della moneta e soprattutto dei salari e delle pensioni, il cui potere d'acquisto si riduce progressivamente all'aumentare dei prezzi. In periodi di inflazione le imprese riducono gli investimenti e ciò provoca ripercussioni negative sulla produzione, l'occupazione e il reddito nazionale.
Le principali cause dell'inflazione sono: L'eccesso di domanda L'aumento dei costi di produzione Eccesso di moneta in circolazione Le scelte di politica monetaria degli Stati dell'UM europea spettano alla Banca centrale europea (BCE) e al Sistema europeo delle Banche centrali (SEBC). Nei rapporti commerciali internazionali l'inflazione provoca un incremento delle importazioni e un calo delle esportazioni La piena occupazione La piena occupazione nelle economie capitalistiche rappresenta l'eccezione piuttosto che la regola. La disoccupazione è spesso il risultato dall'offerta di beni e servizi troppo alta rispetto alla domanda. Il risanamento del debito pubblico Si ha debito pubblico quando lo Stato e la P.A. spendono più di quanto percepiscono con le entrate (tributi). Per il risanamento del debito pubblico l'Italia emette dei titoli del debito pubblico (BOT, CCT, ecc.), ricorrendo quindi a prestiti dai privati cittadini ai quali è assicurata la restituzione della somma prestata, più un tasso di interesse.