Eneide, riassunto libri 1 - 4

Appunto inviato da prandolone
/5

biografia di Virgilio, trama, riassunto e sintesi dei libri dal' 1° al 4° (4 pagine formato doc)

Eneide, riassunto libri 1 - 4 - L'ENEIDE - Enea è il protagonista Anchise, principe troiano, è il padre di Enea Venere, dea dell'amore, è la madre di Enea.

Enea sta navigando verso l'Italia perché deve trovare una terra a coloro che sono riusciti a scappare e a salvarsi dall'assedio di troia. La dea Giunone (Era), è ostile ad Enea per due motivi: sia perché il rancore contro i troiani non è ancora sparito, sia perché vede nel futuro la preminenza dei romani su Cartagine, a lei cara. Scatena dunque una tempesta per sbalzare i profughi lontano dalla meta, e li conduce ad approdare in Africa, nei pressi di Cartagine stessa.


Leggi anche Eneide: riassunto per libri

Qui si innamora di una regina, Didone, a cui racconta l'inganno del cavallo di Troia e le sue peripezie. Durante questo soggiorno a Cartagine Enea sembra aver dimenticato la sua missione. Viene, così, sollecitato da Giove, che gli invia, come messaggero, Mercurio, e così decide di riprendere il mare. Didone, accortasi della partenza di Enea, maledice tutta la sua discendenza, e poi si uccide. I profughi quindi giungono in Sicilia e partono per Cuma; guidato dalla Sibilla scende nell'Ade.

Leggi anche La traduzione completa dell'Eneide

Nel regno dei morti incontra il padre Anchise, che gli predice la futura gloria della sua stirpe. La seconda parte è ambientata nel Lazio (Libri 7 - 12). Qui Enea incontra il rew dei latini che gli offre in matrimonio la figlia Lavinia. Dopo varie peripezie i due si sposeranno e fonderanno la stirpe di Roma. LIBRI I - VI Le peregrinazioni di Enea I - Enea affronta la tempesta. Il naufragio e l'accoglienza a Cartagine II - Il racconto di Enea: l'ultima notte di troia III - Il viaggio verso l'Italia IV - Enea a Cartagine: la tragedia di Didone V

Leggi anche Descrizione dell'Eneide

- Enea in Sicilia: i giochi funebri di Anchise VI - Enea visita l'oltretomba PUBLIO VIRGILIO MARONE Nasce nel I secolo a.C. presso Mantova da una famiglia di proprietari terrieri; studia grammatica e retorica (l'arte del ben parlare), e a vent'anni si trasferisce a Roma. Accanto alla retorica coltiva interessi politici e filosofici.