Schopenhauer: riassunto

Appunto inviato da misstracy
/5

riassunto Abbagnano sul filosofo Schopenhauer (2 pagine formato doc)

SCHOPENHAUER RIASSUNTO

Schopenhauer.

Si afferma che il mondo è rappresentazione dell’io, intende riproporre la rivoluzione kantiana e la distinzione tra mondo fenomenico e mondo noumenico.
La sua filosofia è stata influenzata da quella indiana, infatti per descrivere il reale parla di illusione, sogno e usa l’espressione “velo di Maya”.
Secondo Schopenhauer l’uomo può e deve acquisire, riflettendo, la consapevolezza che il mondo è l’insieme delle sue rappresentazioni.
Tutto ciò che esiste, quindi, esiste solo per il soggetto che lo percepisce. Questa verità costituisce una sorta di a priori di qualunque esperienza, dotato di maggior universalità delle altre forme dell’esperienza (spazio, tempo e causalità).
È importante, per Schopenhauer, ribadire la centralità della soggettività del mondo fenomenico, del soggetto percipiente, in ogni tempo e in ogni luogo (perché anch’essi soggettivi).

Riassunto su Schopenhauer


SCHOPENHAUER RIASSUNTO COMPLETO

Ogni rappresentazione del mondo comprende due metà inscindibili e necessarie. Da una parte, l’oggetto rappresentato, che per effetto di spazio e tempo ci si presenta come una molteplicità. Dall’altra, il soggetto rappresentante che applica spazio e tempo all’oggetto senza esservi sottoposto; è intero e indiviso, capace di produrre con l’oggetto una rappresentazione del mondo completa. Se il soggetto venisse meno comporterebbe anche il venir meno del mondo come rappresentazione.
Il mondo, affermerà successivamente Schopenhauer, può essere considerato anche da un altro punto di vista, per quello che è in se stesso, come volontà. L’uomo scopre la realtà della cosa in sé grazie all’autocoscienza, con la quale ha esperienza di sé stesso dal di dentro, si rende conto che la propria essenza sta nella volontà di vivere.
L’altro punto di vista consiste nella possibilità di capire il significato e l’essenza del mondo, oltrepassando il livello delle semplici rappresentazioni, dal momento che l’uomo non è solo “una testa d’angelo alata” ma ha anche un corpo da cui provengono i dati per la rappresentazione. Perché se l’uomo si limitasse all’attività conoscitiva, il corpo gli apparirebbe solo esteriormente ma esso possiede la volontà, la chiave dell’enigma. Esso ha esperienza del proprio corpo che costituisce la sua individualità. Ha esperienza intuitiva, interiore, immediata del proprio corpo. La volontà di vivere è il noumeno del mondo, l’essenza nascosta dell’universo. Si trova al di là del fenomeno e delle sue forme costitutive (spazio, tempo e causalità) perciò è aspaziale, atemporale e incausata. Si configura come eterno e cieco impulso. Le idee sono la sua prima oggettivazione.

Pensiero filosofico di Schopenhaue


SCHOPENHAUER RIASSUNTO BREVE

Nel mondo c’è un ordine puramente funzionale alla conservazione della specie e alla sopravvivenza del mondo. La volontà di vivere non ha scopi. Si possono individuare le motivazioni solo delle sue manifestazioni fenomeniche. Per questo l’uomo, non trovando uno scopo, una ragione alla volontà di vivere, si trova in un perenne stato di insoddisfazione. L’uomo si trova a vivere perennemente assillato dai suoi desideri che non potrà mai soddisfare definitivamente. La sensazione di piacere è temporanea e si ottiene solo quando si passa da un desiderio all’altro.
L’uomo continua a volere ma questo gli implica una continua sofferenza, perché ciò che si vuole non è mai raggiungibile. Alcuni desideri possono essere realizzati ma il piacere temporaneo che si ottiene, non fa altro che alimentare la sofferenza perché non c’è compensazione alle grandi esigenze. La vita, quindi, si svolge tra illusioni e delusioni.

Il mondo come volontà e rappresentazione di Schopenhauer: spiegazione


SCHOPENHAUER RIASSUNTO ABBAGNANO

La volontà di vivere rende succubi gli uomini perché la preoccupazione è eterna in loro, non esiste tranquillità d’animo che coincide con il vero benessere.
La sofferenza che prova l’uomo non è unicamente sua ma tutta l’umanità ne è schiava. Semplicemente l’uomo soffre di più perché ne è consapevole. È un male inguaribile perché sta nel principio stesso da cui il mondo dipende. E se mai venisse a mancare il desiderio, l’uomo sprofonderebbe nella noia, in un vuoto incolmabile. L’esistenza umana è come se fosse un pendolo in continua oscillazione tra il dolore e la noia, passando per la noia.