Candido, ovvero l'ottimismo di Voltaire: riassunto

Appunto inviato da garzonare
/5

riassunto della storia di Candide, la tesi che Voltaire intende dimostrare attraverso la storia (2 pagine formato doc)

CANDIDO, OVVERO L’OTTIMISMO DI VOLTAIRE RIASSUNTO - Riassumi in modo estremamente sintetico: a) la “storia” di cui Candido è protagonista, b) la tesi che Voltaire intende dimostrare per mezzo della storia.

Nel romanzo filosofico più significativo di Voltaire sono narrate le disavventure di Candido, un giovane ingenuo e sprovveduto che vive a corte presso il barone di Thunder-ten-tronckh in Vestfalia ed è innamorato della di lui figlia diciassettenne Cunégonde. Candido ha come precettore il filosofo Pangloss (il tutto lingua), il “più grande filosofo della provincia e per conseguenza di tutta la terra”, convinto assertore della teoria leibniziana per cui Dio ha scelto il “migliore dei mondi possibili” e ogni male è tale solo per noi, ma non nell’economia del tutto.


Leggi anche Candido, ovvero l'ottimismo: trama

CANDIDO DI VOLTAIRE RIASSUNTO DETTAGLIATO - Scoperto insieme a Cunégonde, Candido viene scacciato dal castello ed iniziano così le sue numerose peripezie che, nel vederlo protagonista di enormi sofferenze personali e portato a contatto con realtà drammatiche e disgrazie di ogni genere (guerra con tutte le assurde carneficine, la catastrofe del terremoto, la persecuzione dell’Inquisizione, le malattie, la schiavitù, la morte e l’infelicità quotidiana di tutti gli uomini), in numerosi luoghi del mondo (Olanda, Portogallo, America del Sud, Francia, Inghilterra, Venezia, Turchia), si concludono con la ricongiunzione a Pangloss e con quel matrimonio a lungo e sopra ogni cosa sospirato con Cunégonde, divenuta ormai vecchia ed orrendamente brutta.  Alla fine del romanzo Voltaire riesce a dimostrare che la filosofia dell’ottimismo metafisico è un’assurdità, come pure la pretesa umana di raggiungere verità assolute in un mondo che non è né il migliore né il peggiore dei mondi possibili, in cui gli avvenimenti non hanno finalità alcuna ma dove invece tutto è relativo e suscettibile di miglioramento solo ad opera dell’uomo.

Leggi anche Candido, ovvero l'ottimismo: analisi

CANDIDO DI VOLTAIRE RIASSUNTO BREVE - Indica i temi del testo che riflettono le preoccupazioni dell’epoca illuminista. Il tema verso il quale Voltaire sembra esprimere la massima preoccupazione è quello dell’ intolleranza, sia religiosa sia politica, che genera conflitti, guerre ed inutili massacri, ingiustizie, in quelle situazioni ed in quei momenti storici in cui governanti e rappresentanti della Chiesa sembrano smarrire la ragione.
Il valore della tolleranza deve quindi rappresentare un atteggiamento attivo contro ogni forma di irrazionale fanatismo (inteso quale difesa a priori del dogma), superstizione e pregiudizio – che prende le sembianze della Chiesa cattolica, arrogante istituzione temporale che limita la libertà di pensiero dell’uomo, e dell’Inquisizione, tremendo strumento istituito dalla Chiesa a difesa dei suoi dogmi-, per evitare le ingiustizie e consentire il vero progresso dell’umanità, che è rappresentato non dai successi in guerra ma dall’incremento del benessere dei popoli.

Leggi anche Candido, ovvero l'ottimismo: recensione

CANDIDO DI VOLTAIRE RIASSUNTO PER CAPITOLI - Voltaire affronta, sia pure brevemente, anche il tema della schiavitù, tratteggiando efficacemente la crudeltà di quella condizione, giudicando inequivocabilmente ingiusto lo sfruttamento a fini economici di esseri umani.