Caratteri generali dell'Umanesimo e Rinascimento: filosofia

Appunto inviato da bookte
/5

Umanesimo e Rinascimento: riassunto di filosofia sui caratteri generali (6 pagine formato doc)

CARATTERI GENERALI UMANESIMO E RINASCIMENTO: FILOSOFIA

Umanesimo e Rinascimento.

Periodo dal 1400 al 1500. Qui c'è la volontà degli intellettuali di ritornare ai classici. Gli uomini di questa età rifiutarono l'epoca medievale con i suoi valori e ricercarono riferimenti nell'età classica. Questo perché nel 1400 inizia la centralità dell'uomo nel mondo, tema presente nelle opere classiche. Per recuperare la classicità in modo oggettivo, iniziò nel 1400 un'opera di ricostruzione dei testi antichi per merito degli umanisti e nacque una scienza, la filologia, perchè nel Medioevo i monaci amanuensi avevano cambiato i testi copiati.
Dopo gli intellettuali iniziarono ad elaborare alcune filosofie originali, che avevano un tema comune: al centro dell'universo c'era l'uomo, artefice del suo destino; Dio c'era ancora, ma era collocato ai margini del mondo.

Riassunto sull'Umanesimo e Rinascimento: filosofia

UMANESIMO E RINASCIMENTO FILOSOFIA

L'uomo attuava la legge divina nel mondo terreno, per esempio dedicandosi alla politica e studiando la natura che non è più disprezzata, e come scopo c'è il mondo ultraterreno. Troviamo elaborazioni di pensiero che danno origine alla Corrente platonica e a quella aristotelica e alla filosofia della natura. Nacquero così anche le accademie, centri di sapere. La corrente platonica si elaborò nell'accademia fiorentina, fondata da Marsilio Ficino.

Umanesimo e Rinascimento: riassunto

UMANESIMO: PERIODO STORICO

Quella aristotelica si sviluppò nell'università di Padova. Queste due filosofie cercavano di modernizzare il pensiero platonico e aristotelico adottando una sensibilità moderna. Per quanto riguarda la filosofia della natura, si riscontrano posizioni diverse. La prima è rappresentata dalla magia, disciplina positiva molto studiata, che era un modo per avvicinarsi alla cultura.