Aristotele: Filosofia e Scienze

Appunto inviato da tommy8810
/5

Dalla vita di Aristotele fino ai sillogismi passando dalle strutture della realta’ e del pensiero. (7 pagine formato doc)

ARISTOTELE PS.
3 ARISTOTELE FILOSOFIA E SCIENZA Il tempo storico di Aristotele Il tempo storico di Aristotele è segnato dalla crisi della polis, il cittadino si disinteressa per la politica e si dedica ad altri interessi etici e conoscitivi. Tutto ciò caratterizzerà la vita di Aristotele. La vita Aristotele nacque a Stagira nel 384-383 a.C. ed entro nella scuola di Platone all'età di 17 anni e vi rimase per ventenni, quindi la sua crescita spirituale fu influenzata da Platone. Dopo la morte del maestro Aristotele si recò ad Asso dove insieme a altri discepoli fondò una piccola comunità platonica, qui sposo Pitia. Nel 342 fu chiamato a Pella da Filippo il Re di macedonia per assumere l'educazione di Alessandro Magno.
Dopo 13 anni, nel 335-334 Aristotele ritornò ad Atene per fondare il Liceo, che oltre all'edificio e ai giardini comprendeva il peritato ossia passeggiata. Scappato da Atene dopo la morte di Alessandro Magno, mori ad Calcide nel 322-321. Il problema degli scritti Aristotele compose diversi scritti: ACROMATICI o ESOTERICI cioè destinati agli ascoltatori. Questi racchiudevano una dottrina segreta, ma in realtà sono soltanto gli appunti per l'insegnamento. Protrettico: esaltazione filosofia ESSOTERICI cioè destinati al pubblico, infatti erano scritti in forma di dialogo. Scritti di logica Scritti di metafisica Scritti di fisica, storia naturale,di matematica, psicologia Scritti di etica economia,poetica,retorica Dagli scritti essoterici appare il pensiero che Aristotele ha subito crisi e mutamenti. Infatti prima aderisce al pensiero platonico per poi all'allontanarsi e modificarlo. Passa da problemi filosofici a problemi scientifici. Il distacco da Platone e l'enciclopedia del sapere PLATONE ARISTOTELE   momento storico   Età classica Età ellenistica   concezione della conoscenza   la conoscenza è una finalità politica conoscenza disinteressata del reale   ruolo del filosofo   legislatore e reggitore della città ideale è sapiente, debito alla ricerca e all'insegnamento   funzione dell'insegnamento   mettere in primo piano il momento politico-educativo predomina il momento conoscitivo   conoscenza della realtà e del sapere   ottica verticale e gerarchica ottica orizzontale ed unitaria   metodo del filosofare   sistema aperto: filosofare problematico sistema chiuso: verità connesse   interessi   scienze matematiche scienze naturali L'enciclopedia delle scienze di Aristotele La filosofia come scienza prima ossia disciplina che studia l'oggetto comune a tutte(=l'essere) e i principi comuni a tutti (=i principi dell'essere). Così concepita la filosofia appare come l'anima unificatrice e organizzatrice delle scienze, in quanto studia il loro comune fondamento. LE STRUTTURE DELLA REALTA' E DEL PENSIERO La metafisica Aristotele distingue tre tipi di scienze: GRUPPI DI SCIENZE OGGETTO SCOPO SCIENZE TEORICHE NECESSARIO CONOSCENZA DISINTERESSATE DELLA REALTA' metafisica, fisica, matematica PRATICHE POSSIBILE L'ILLUMINAZIONE DELL'AGIRE etica, polit