L'Emilio di Rousseau: riassunto e commento

Appunto inviato da marzius01
/5

Riassunto con breve commento dell'Emilio o dell'educazione di Rousseau (2 pagine formato doc)

ROUSSEAU: EMILIO

Riassunto: Si tratta di un un racconto elaborato e complesso la cui trama è stratificata.

Si sarebbe portati a dire che il protagonista è Emilio, perché di lui si parla. Infatti la sua educazione dovrà essere sottratta agli influssi della vita sociale e si dovrà compiere nella solitudine campestre. Solo quando l’uomo sarà formato e fortificato potrà diventare buon cittadino e affronterà la vita sociale.Per fare ciò Rousseau asserisce che ad Emilio non saranno imposti divieti o limitazioni alla sua libertà poichéciò lo farebbe diventare ostile o ribelle o rassegnato e schiavo. Emilio verrà posto al centro di problematiche che lui solo dovrà risolvere senza l’aiuto eccessivo del educatore, il quale ha il compito di disporre le occasioni di scoperta e di invenzione, facendo uso delle sue conoscenze In realtà per gran parte del testo Emilio è davvero poco più che un nome per identificare un percorso pedagogico.
Compaiono anche altri bambini nelle singole narrazioni e, spesso, una sorta di fanciullo universale, certamente Emilio è l'oggetto del discorso.

Rousseau e L'Emilio: spiegazione e temi

ROUSSEAU: RIASSUNTO DELL'EMILIO

Il vero protagonista è invece lo stesso Rousseau nella duplice veste di narratore-pedagogista e di personaggio reale (il maestro). Rousseau infatti gioca su più di un piano.
a) Rousseau narratore e pedagogista. Egli è il narratore che attraverso ciò che accade sulla scena del romanzo costruisce un progetto teorico e modella gli avvenimenti e le persone, inoltre dialoga con i futuri educatori, i futuri lettori, e dunque anche con tutti noi. In quanto narratore si rende responsabile delle idee espresse ed intende, sulla base di queste, essere giudicato. L'Emilio è uno dei possibili romanzi di Jean-Jacques. Si tratta di una sorta di romanzo autobiografico, in cui compaiono non tanto le esperienze vissute (se non in qualche singolo caso come quello del Vicario Savoiardo) quanto le idee dell'autore.  Nel romanzo il narratore appare un grande osservatore dell'infanzia.

ROUSSEAU PEDAGOGIA

b) Rousseau personaggio. È il maestro (quale Rousseau scrive di non essere capace di essere nella realtà) che interagisce con gli altri e soprattutto costruisce gli scenari nei quali si muove Emilio. Il maestro, come il Rousseau narratore, è a sua volta una sorta di autore di commedie, egli infatti (nella finzione del romanzo) elabora per l'educazione di Emilio delle trame, a volte complesse, di cui questi è l'inconsapevole personaggio principale. Rousseau pedagogista rifiuta le favole narrate, ma Rousseau maestro costruisce trame narrative che vengono fatte vivere al bambino.

ROUSSEAU: EMILIO O DELL'EDUCAZIONE

FRASE: “Come un fanciullo potrebbe essere educato bene da chi nn sia stato educato bene lui stesso?”
Il messaggio che Rousseau vuole lasciare è che poiché l'uomo è buono per natura, occorre fin dall'infanzia proteggerlo dalla degenerazione e dalla corruzione che regna nel mondo della cultura e nelle strutture sociali . Si tratta insomma di difendere, evitando un'educazione autoritaria e repressiva, l'uomo naturale" e di impedire che si corrompa trasformandosi del tutto in un uomo artificiale.