Filosofia Averroè

Appunto inviato da claudiaagnello
/5

Riassunto dettagliato della vita e concetti principali (0 pagine formato pdf)

Averroé è nato in Spagna nel 1126, venne esiliato per le sue idee filosofiche, e morì nel 1198.
-Scrisse un Commento grande, Commento medio e parafrasi delle opere di Aristotele.
-Scrisse l’opera La distruzione della distruzione di Al Gazali, contro Avicenna.
Secondo Averroé, Aristotele è perfetto, come la sua dottrina, egli crede infatti che la dottrina di Aristotele sia in completo accordo con la filosofia mussulmana.
Il più grande insegnamento di Aristotele per Averroé è, la necessità di tutto ciò che esiste!
Il mondo è stato necessariamente da Dio, perciò il mondo stesso è necessario, il mondo è stato inoltre creato da Dio che è perfetto, perciò, il mondo è perfetto. Essendo Dio eterno, il mondo non può avere ne un inizio, ne una fine, ma è eterno come Dio.
Tutto ciò che accade nel mondo, non potrebbe, accadere in altri modi, infatti, lo stesso uomo, non ha libertà di iniziativa!
*DOTTRINA DELL’ETERNITA’ DEL MONDO+- Anche Averroé come Avicenna, crede che il mondo sia stato creato necessariamente da Dio, che non crea tramite un atto libero, bensì tramite un processo necessario..