Platonismo rinascimentale: riassunto

Appunto inviato da
/5

Il pensiero dei filosofi rinascimentali: Ficino,Telesio e Giordano Bruno. Riassunto sulle caratteristiche del platonismo del Rinascimento (6 pagine formato doc)

PLATONISMO RINASCIMENTALE RIASSUNTO

Platonismo rinascimentale. Una delle correnti fondamentali della filosofia rinascimentale è il Platonismo.

Alcuni contenuti di questa filosofia hanno somiglianza con quelli della filosofia scolastica poiché questa aveva già utilizzato la filosofia di Platone. Il ritorno a Platone è motivato dal fatto che si ritiene che il filosofare platonico, non essendo chiuso in un sistema, sia molto più moderno di quello aristotelico e quindi più idoneo alla sensibilità rinascimentale che intende la filosofia come una ricerca, un muoversi verso una verità che non è data.
Inoltre si ritiene che la filosofia platonica sia quella che maggiormente si presta a intendere anche la sensibilità religiosa cristiana in quanto si reputa che Platone sia il filosofo che si è avvicinato maggiormente allo spirito del cristianesimo.

CARATTERI GENERALI DEL NEOPLATONISNO RINASCIMENTALE

Durante il Rinascimento si viene a conoscenza di quasi tutti i dialoghi di Platone. Questo è dovuto a due avvenimenti storici che sono: il concilio di Firenze (1438-39), il quale, organizzato con lo scopo (poi fallito) di riconciliare la chiesa latina e quella greca, permise l'ingresso in Italia a molti filosofi greci. la caduta di Costantinopoli in mano ai Turchi (1453), la quale fece arrivare molti intellettuali (in fuga dai Turchi) in Italia. Il fiorire degli studi platonici è parallelo al rifiorire degli studi aristotelici. Questo crea una querelle cioè un conflitto ideologico tra coloro che sostengono la superiorità della filosofia di Platone rispetto a quella di Aristotele e viceversa. Il maggior sostenitore della superiorità della filosofia di Platone è Giorgio Gemisto Pletone mentre il maggior sostenitore della superiorità della filosofia di Aristotele è Giorgio Trapesunzio.

Appunti sul Platonismo rinascimentale

CARATTERISTICHE DEL PLATONISMO RINASCIMENTALE

Esiste un tentativo di conciliazione tra queste due posizioni operato dal cardinale Bessarione. In realtà il motivo del conflitto ideologico deriva da una diversità di interessi: per i platonici è un interesse di tipo religioso mentre per gli aristotelici è un interesse di tipo naturalistico cioè vedono nella filosofia di Aristotele la condizione fondamentale per un approccio allo studio della natura. I platonici però, pur essendo mossi da un interesse di tipo filosofico, non distinguono bene Platone da Plotino. Questa distinzione avverrà del resto solo nel XIX secolo.

CARATTERISTICHE DEL NEOPLATONISMO RINASCIMENTALE

Marsilio Ficino Il Neoplatonismo in Italia si afferma soprattutto a Firenze dove nasce un vero e proprio centro di studi neoplatonici grazie alla collaborazione tra Cosimo il Vecchio e Marsilio Ficino. Marsilio si occupa della filologia platonica ed è anche un traduttore dei suoi dialoghi. E' convinto che la teologia e la filosofia siano strettamente congiunte fra loro. La separazione tra le due fa si che la teologia diventi superstizione e la filosofia malvagità. Ritiene che la filosofia platonica sia il pensiero in cui meglio si uniscono ambedue. Si tratta di platonismo filtrato.