Riassunto su Freud e psicoanalisi

Appunto inviato da cmolteni
/5

Riassunto su Freud, psicoanalisi, studi sull'isteria e le tre topiche (3 pagine formato doc)

RIASSUNTO SU FREUD E PSICOANALISI

Sigmund Freud (1856-1939).

Freud è un medico, laureato in psicologia, di origine austriaca ed ebraica: per questo motivo, è costretto ad emigrare da Vienna a Londra a causa delle leggi razziali (1938).
Nonostante i suoi studi medici, Freud è definito un filosofo, e in particolare appartiene alla categoria dei cosiddetti “FILOSOFI DEL SOSPETTO” insieme a Marx e Nietzsche. Freud mette in discussione la certezza fondamentale dell'uomo: la razionalità, il cogito (ereditato da Cartesio).
Freud afferma che la coscienza dell’uomo contiene molto altro: ciò che emerge è solamente la coscienza, mentre nell'animo si ha un conflitto interiore tra diverse forze.  In particolare, l'uomo e un insieme di impulsi di origine sessuale.
Il lavoro di Freud sarà spesso considerata scandalosa dalla società della Vienna perbene a causa dell’affermazione che l’isteria non è una malattia solo femminile, della sessualità infantile e dall’uso di la cocaina come medicinale.

La psicoanalisi e l'uomo: tesina di maturità


FREUD: RIASSUNTO BREVE

Per questo motivo la filosofia di Freud è considerata la terza rivoluzione nella storia del mondo, dopo quelle ad opera di Copernico (rivoluzione astronomica) e di Darwin (evoluzione della specie: mette in discussione la centralità dell'uomo, è superiore perché la sua evoluzione è stata superiore rispetto alle altre specie). La filosofia psicanalitica di Freud influenzerà notevolmente la cultura del XX secolo.
-    “Gli studi sull’isteria” (1895)
-    “L’interpretazione dei sogni”” (1900)
-    “Psicopatologia della vita quotidiana” (1901)
-    “Tre saggi sulla sessualità” (1905)
-    “L’avvenire di un’illusione” (1927).

Freud e la psicoanalisi: riassunto


FREUD: PENSIERO

Gli studi sull’isteria. Nell’Ottocento la psichiatria era una scienza praticata solo in ambito medico attraverso la neurofisiologia positivista, secondo cui ogni malattia mentale ha origine in disfunzioni organiche. Di conseguenza, gli studi sugli stati psiconevrotici come le isterie vengono tralasciati perché essi non sono legati a lesioni organiche.
I primi studi sull’isteria iniziano con i medici Breuer e Charcot, maestri di pensiero di Freud.
~    Charcot introduce una nuova tecnica per curare l’isteria: L’IPNOSI, procedimento utilizzato per la prima volta come metodo terapeutico. Con questa tecnica è possibile suggestionare il paziente per far superare i problemi alla base di questo malessere.
~    Breuer sfrutta l'ipnosi nel paziente per creare una scarica emotiva arrivando alle cause alla base dell’isteria, individuate in episodi passati dolorosi spesso dimenticati.

Psicoanalisi: riassunto


FREUD INCONSCIO

Freud cita il caso emblematico di Anna O., una donna malata di isteria in cura presso Breuer: ma l’isteria, presentava anche ripercussioni somatiche come una forte idrofobia (paura di bere), paralisi, bulimia, anoressia, abbassamento della vista. Attraverso l’ipnosi, Breuer individua un episodio dell'infanzia della donna da cui deriva la sua idrofobia, in cui aveva visto il cane della governante bere da un bicchiere. I sintomi della donna sparirono dopo che Breuer porta alla coscienza questo episodio doloroso. Tuttavia, non guarì mai definitivamente, ma presentava solo liberazioni temporanee dalla malattia.
Insieme a Breuer, Freud pubblica l’opera “Studi sull’isteria” (1895) in cui delineano le caratteristiche del cosiddetto “metodo catartico”: si tratta della provocazione di scariche emotive per guarire il malato. Inoltre, dagli studi emerge che l’isteria non è una malattia unicamente femminile (perché si credeva legata a lesioni interne dell’utero) ma anche maschile perché essa è un fenomeno psicofisico, un malessere legato all'infanzia che viene nascosto nell'animo, perciò deriva da episodi infantili. Infatti, l'ipnosi fa riaffiorare episodi dimenticati dell'infanzia che vengono riportati alla luce.