I sofisti e Protagora: riassunto

Appunto inviato da smanianicola
/5

Schema riassuntivo su chi sono i sofisti, con riferimenti a Protagora (1 pagine formato doc)

CHI SONO I SOFISTI

I Sofisti e Protagora
Sofisti:
• 5° secolo.
• intellettuali che facevano professione di sapienza e la insegnavano dietro compenso.
• si concentrano sull’uomo: politica, diritto, religione, lingua, educazione.
• dalla natura all’uomo perché:
o la ricerca naturalistica aveva portato solo a tesi contraddittorie;
o la società era cambiata: crisi dell’aristocrazia, potenza della borghesia, più traffici (incontro e confronto di idee diverse), democrazia (dà ai cittadini il potere di partecipare alle assemblee e aiuta la filosofia ad evolversi);
o prima l’uomo si sentiva in armonia con la natura, come fossero un tutt’uno.
• nuovi parametri di giudizio: l’incontro con diverse civiltà aiuta a capire la diversità altrui e se stessi.

Insegnamento sofistico:
• arte dell’eloquenza: possedere capacità letterarie, grammaticali, sintattiche, stilistiche e lessicali.
• Insegnamento formale più che contenutistico.
• Insegna a catturare l’attenzione con la forma (es: parole impressionanti), non con il contenuto.

I sofisti Protagora e Gorgia: pensiero

I SOFISTI: SCHEMA

Sapienza sofistica:
I sofisti vogliono, dietro compenso, rendere gli uomini del ceto dirigente abili nelle loro faccende, adatti a vivere insieme, capaci di avere la meglio nelle competizioni civili.
• Tutti gli uomini devono possedere le capacità politiche per intervenire nelle assemblee cittadine e per difendersi nei tribunali (non c’erano gli avvocati d’ufficio quindi chi era povero doveva sapersi difendere da solo).

Caratteristiche culturali della sofistica:
• La sofistica è definita come una sorta di illuminismo greco, sulla scia dell’Illuminismo del 18° secolo che voleva l’impiego della ragione spregiudicatamente per criticare anche le autorità.

La funzione sofistica consiste nella liberazione critica dal passato in nome della ragione (criticare = mettere in discussione).
• La cultura è la formazione globale di un individuo, la sua mentalità.
Viene messo in primo piano il problema educativo: viene incrementato e diffuso lo scibile (le cose da sapere). Sapere: saper vivere con gli altri.
I sofisti si fanno portatori di istanze panelleniche (valenti per tutta la Grecia) e cosmopolite (cittadini del mondo) che allargano la mentalità
I sofisti hanno una posizione relativa: non ci sono verità assolute ma ogni costume va considerato nel suo contesto, in determinate condizioni socio-politiche.

Il pensiero di Protagora e Gorgia: riassunto

PROTAGORA: VITA E OPERE

Protagora:
• Nasce ad Abdera nel 5° secolo a.C. ed è influenzato da Eraclito.
• Soggiorna più volte ad Atene ma viene cacciato dopo essere stato accusato di empietà (empio: non avere uno spirito pio) per le sue idee spregiudicate sulla religione.
• Opere:
o Ragionamenti demolitori (utili per demolire le opinioni dell’avversario attraverso tecniche per la confutazione delle tesi avverse.
o Antilogie (torneo sui ragionamenti: si possono fare ragionamenti diversi su uno stesso discorso. Es: la giustizia può essere vista come (1) il diritto vero e proprio o (2) la vendetta).