Sofistica, Socrate e Platone: riassunto

Appunto inviato da antoniopuleri
/5

Il significato e caratteristiche della sofistica, il suo contesto storico-politico, biografia e concetti principali di Socrate e Platone (11 pagine formato pdf)

SOFISTICA: SIGNIFICATO

Sofistica, Socrate e Platone.

La sofistica. La sofistica è una scuola di pensiero che si afferma nell’Atene del 5° secolo a.C. e rappresenta un autentica
rivoluzione teorica e concettuale nel pensiero greco. I sofisti erano definiti dalla storiografia filosofica “esperti del sapere”, “maestri itineranti” provenienti da diverse città greche che raggiungevano Atene per ammaestrare gli individui che volessero ricoprire cariche di primo piano nella vita pubblica e politica. Erano detti anche “mercenari del sapere” e, poiché si facevano pagare per i loro insegnamenti, furono criticati aspramente dai loro contemporanei (prima da Socrate, poi da Platone e da Aristotele) e vennero definiti offensivamente “prostituti della cultura”.
Da qui emerge una figura storica negativa.

I SOFISTI: RIASSUNTO

I sofisti introducono il concetto di “paideia”, che assume il significato di pedagogia (che si occupa dell’educazione e della formazione degli individui). Nella sofistica il concetto di educazione si pone come un concetto vicino alla società, alla vita pubblica e politica, vicina alla polis, poiché i greci venivano educati per avere tutte le abilità di un personaggio politico e importante. In altre parole, la loro era un educazione completa, enciclopedica, poiché spaziava dall’educazione della salute del corpo, del vigore fisico, a tutti i rami del sapere, sia umanistici (lettere, poesia) sia scientifici (natura, scienza). Lo scopo dell’educazione era quello di insegnare all’uomo di perseguire la virtù, risultato ultimo di questo bagaglio di conoscenze trasmesso dai sofisti.

I sofisti: pensiero e caratteristiche

CARATTERISTICHE DELLA SOFISTICA

Il contesto storico-politico. Il contesto storico-politico in cui si inserisce la sofistica va dalla vittoria di Atene contro i persiani alla sua sconfitta contro Sparta, quindi da un momento di sviluppo della polis ad un momento di crisi e di degrado. A questi due momenti corrispondono due fasi della sofistica: la prima è espressione di rigoglio, di massimo sviluppo di Atene; la seconda è espressione di decadenza. L’oggetto ultimo dell’insegnamento della sofistica consiste nella virtù, che si differenzia in due diverse fasi: quella arcaica e quella della polis.