I 4 tipi di interazioni fondamentali: spiegazione

Appunto inviato da mauras90
/5

Spiegazione dei 4 tipi di interazioni fondamentali: l'interazione gravitazionale, l'interazione elettromagnetica, l'interazione nucleare forte, l'interazione nucleare debole e le forze elettriche (1 pagine formato doc)

INTERAZIONI FONDAMENTALI: SPIEGAZIONE

Riassunto di fisica da p.78 a p.98. Attualmente le forze conosciute sono considerate manifestazioni diverse di 4 tipi di interazioni fondamentali :
1.

l’interazione gravitazionale
2. l’interazione elettromagnetica, che comprende le forze elettriche e magnetiche, di cui verso la fine del 1800 si è capita l’origine comune,
3. l’interazione nucleare forte
4. l’interazione nucleare debole

Forze di interazione: spiegazione

INTERAZIONE NUCLEARE DEBOLE

Le caratteristiche dell’interazione sono: l’intensità e il raggio d’azione.
Il peso è la forza con cui la Terra attrae i corpi e l’interazione gravitazionale è la manifestazione locale della reciproca forza di attrazione tra due masse.
La costante gravitazionale universale (g) è una grandezza fisica ed il suo valore è di 6.667*10-11 Nm2/kg2.
Le forze elettriche. Nella nostra esperienza quotidiana verifichiamo l’esistenza di forze diverse da quella gravitazionale, ma assai più intense; per esempio, una piccola calamita riesce a sollevare un chiodo di acciaio, e una penna biro, strofinata su una manica, può sollevare frammenti di carta. Queste forze, rispettivamente magnetica e elettrica, sono generate da piccoli oggetti, ma riescono a vincere l’attrazione gravitazionale dell’intero pianeta Terra.

Le forze in fisica: definizione e spiegazione

INTERAZIONE NUCLEARE FORTE

Possiamo allora suddividere i materiali in due grandi categorie:
conduttori elettrici, che presentano lo stesso comportamento del ferro. Nei quali la carica è in grado di muoversi all’interno del materiale;
gli isolanti elettrici, che hanno lo stesso comportamento della plastica, nei quali la carica elettrica, prodotta per strofinio, rimane confinata nella zona strofinata, senza potersi muovere all’interno del materiale. La forza elettrica può essere quindi sia negativa che positiva: i corpi elettricamente carichi si respingono se hanno cariche dello stesso tipo, e si attraggono se hanno cariche di tipo diverso.
La struttura degli atomi e i fenomeni di elettrizzazione
L’atomo è formato da tre particelle: l’elettrone, il protone e il neutrone, ma è elettricamente neutro.