L'equilibrio elettrostatico

Appunto inviato da scila001
/5

Note sintetiche su elettricità, metodi di elettrizzazione, legge di Coulomb, principio di sovrapposizione, il campo elettrico, potenziale elettrico, differenza di potenziale elettrico, equilibrio elettrostatico e capacità elettrica (2 pagine formato doc)

Il termine elettricità deriva dal greco antico elektron e vuol dire ambra, infatti furono proprio i greci a scoprire le proprietà dell'ambra: questa strofinata con un pezzo di lana era in grado di attirare a sé piccoli corpi; successivamente si ci rese conto che questa particolare proprietà fosse posseduta anche da altri corpi quali il vetro, la plastica....
Uno dei primi scienziati a studiare questo fenomeno fu Benjamin Franklin, il quale scoprì che le forze possono essere attrattive e repulsive, ipotizzò che a causa dello strofinio le sostanze posso acquistare una carica elettrica che può essere positiva (vetro) o negativa (plastica).

I fenomeni di elettrizzazione possono essere spiegati mediante il modello atomico: la materia è formata


  • Protoni, positivi, e neutroni, neutri, che costituiscono il nucleo
  • Elettroni, negativi, che ruotano attorno al nucleo
I protoni e gli elettroni interagiscono tra loro, perciò gli elettroni ruotano attorno al nucleo. Un atomo in condizioni di equilibrio possiede lo stesso numero di protoni ed elettroni, in alcuni casi però l'atomo può ionizzarsi perdendo o acquistando elettroni: un atono che acquista elettroni diviene negativo e verrà chiamato ione negativo, un atomo che perde elettroni diventa positivo e verrà chiamato ione positivo.
Quando strofiniamo con un panno di lana una bacchetta di vetro questa tenderà a cedere elettroni al panno di lana e diventando a carica positiva, invece una bacchetta di plastica tenderà ad acquistare elettroni dal panno di lana e risulterà carica negativamente.

I materiali possono essere:

  • Condotti: metalli
  • Isolanti: plastica, legno, vetro..
  • Semiconduttori: che hanno delle caratteristiche intermedie tra i conduttori e gli isolanti
I modi per elettrizzare io corpi sono:

  • Strofinio, che è efficace sulle sostanze isolanti, in realtà anche sui conduttori ma tra il corpo e il corpo umano deve esserci un isolante, perché quest' ultimo è un buon conduttore e scaricherebbe la carica a terra
  • Contatto, ponendo a contatto un corpo carico con uno scarico, il corpo carico tende a cedere parte della carica al corpo scarico in quanto gli elettroni di conduzione risultano debolmente legati al nucleo e quindi liberi
  • Induzione, ponendo a contatto un corpo neutro con uno caricato positivamente, quest'ultimo attirerà all'estremità del corpo neutro le cariche negative