Geografia astronomica

Appunto inviato da pinkprincessgraphic
/5

Programma intero riassunto di geografia astronomica (30 pagine formato doc)

La sfera celeste

Popoli antichi hanno raggruppato le stelle visibili a occhio nudo in costellazioni. Esse hanno nomi fantasiosi che derivano dal modo in cui appaiono disposte sullo sfondo del cielo.
In realtà queste stelle si trovano a distanze molto diverse dalla Terra: solo a causa della prospettiva di osservazione appaiono su uno stesso piano.

Le costellazioni quindi non hanno alcun significato, ma sono utili per orientarsi tra le numerose stelle e si usano per localizzare rapidamente la posizione dei corpi celesti.

La sfera celeste del cielo, ossia quella sorta di sfera cava che ci sembra di percepire osservando il cielo dalla Terra, ruota intorno a noi da EST verso OVEST: il realtà è il nostro pianeta che ruota su se stesso, in senso contrario (OVEST - EST) su un asse immaginario, il cui prolungamento nello spazio sfiora una piccola stella che per il medesimo motivo è chiamata Stella Polare.

Nonostante si sappia bene che la sfera celeste è solo un'astrazione, si usa prenderla in considerazione quando si vuole determinare la posizione di un astro qualsiasi rispetto alla Terra.
Gli elementi di riferimento sono:

  • Poli celesti nord e sud, ossia i prolungamenti dell'asse terrestre;
  • Zenit, ovvero il punto in cui una verticale innalzata sopra la testa di un osservatore incontra la volta celeste;
  • Nadir, punto opposto allo zenit;
  • Orizzonte celeste, ossia la circonferenza massima che divide la sfera celeste in un emisfero superiore e uno inferiore. Esso si ottiene tagliando la sfera celeste con un piano perpendicolare alla retta verticale all'osservatore.
L'orizzonte è tagliato in altri due punti notevoli dal meridiano del luogo: sono il Nord e il Sud, che si trovano ognuno dalla parte del polo celeste dello stesso nome. Questi sono detti punti cardinali. Grazie a tutto questo sistema di coordinate, la posizione dell'astro è identificata in modo univoco e indipendente dalla località in cui si trova l'osservatore.