Il Giappone

Appunto inviato da enricogere
/5

Il Giappone visto sotto la lente storica, fisica, economica. (6 pagine formato doc)

La capitale: Tokyo La lingua: giapponese La moneta: yen La superficie: 372.824 kmq Forma di governo: Monarchia costituzionale Popolazione: 127.619.000 ab.
Densità: 342 ab./kmq La popolazione La dinamica demografica è caratterizzata da una crescita naturale prossima allo zero. La speranza di vita media e la percentuale di popolazione anziana è tra le due più alte del mondo. Sono presenti, oltre alle comunità straniere, AINU che contano poche migliaia di persone. Crescita annua: 0.2% Crescita naturale: 1.4% Fecondità: 1.3% Natalità: 9.2% Mortalità: 7.8% Mortalità infantile: 3% Speranza di vita: M 78 anni F 85 anni Matrimoni: 6% Divorzi: 2.3% Numero famigli: 46.782.382 Media componenti: da 2 a 7 persone Popolazione urbana: 78.9% Stranieri: 1.851.758 di cui Coreani 625.422, Cinesi 424.282, Brasiliani 268.332, Filippini 169.359, Peruviani 51.772, Statunitensi 47.970, Thailandesi 33,736, Vietnamiti 21.050, Inglesi 18.508 e Italiani 1.815 Gruppi etnici: Giapponesi 98.6%, Coreani 0.5%, Cinesi 0.3%, altri 0.6% Religione: shintoisti e buddisti 90.8%, cristiani 1.2%, altri 8% L'ambiente fisico e climatico Il Giappone è uno Stato posto fra il mar del Giappone e l'oceano Pacifico. È costituito da un vasto arcipelago, composto di quattro grandi isole (Hokkoaido, Honshu, Shikoku e Kyushu) e da 3.000 altre isole di piccole e piccolissime dimensioni.
Il territorio è quasi totalmente montuoso e soggetto al rischio di catastrofi naturali. L'arcipelago si trova sulla rotta di tifoni. Buona parte delle montagne, è costituita da vulcani, molti dei quali attivi. Anche i terremoti sono frequenti, non di rado accompagnato da maremoti, con effetti disastrosi. Vulcanesimo e sismicità hanno una causa unica: sono dovuti al fatto che le isole poggiano sui bordi di una piattaforma continentale, che lentamente sta sprofondando nell'antistante fossa oceanica. Il clima è assai vario: le piogge sono abbondanti; sulle montagne nevica intensamente e si formano vasti ghiacciai; le estati sono molto calde e gli inverni molto freddi. Questo è dovuto al monsone proveniente da sud e dai venti freddi siberiani in arrivo dal nord. Anche il Giappone si trova a dover affrontare gravi problemi ambientali, come l'effetto serra. Economia Il settore primario Il Giappone non ha l'ambientazione di diventare grande esportatore di beni alimentari. Al contrario deve sforzarsi di ricavare dai terreni disponibili, che non sono vasti, le risorse per sostenere una popolazione che per lungo tempo è cresciuta ininterrottamente e che solo negli ultimi anni ha visto un rallentamento. Per far ciò, si sfrutta ogni lembo di terreno, si creano terrazzi lungo i versanti delle colline, sui quali sono coltivati prodotti d'ogni genere, persino il riso. Come in tutto l'Estremo Oriente, il riso è il prodotto principale e, con i pesci e i crostacei, la base dell'alimentazione. Zucchero di canna e da barbabietola sono prodotti in grandi quantità. Invece, nel campo delle piante per usi industriali il Giappone non solo s