Divina commedia: la teologia e dio

Appunto inviato da manu2222
/5

itinerario: la teologia e dio. con descrizione particolareggiata del canto 5 inferno, 26 inferno, 11 purgatorio e 11 paradiso. collegati tutti nel medesimo argomento (3 pagine formato doc)

Il valore e il senso della Commedia superano l’ambito religioso cristiano, nel quale il poema affonda le radici e del quale intende essere testimonianza; lo stesso fine dichiaratamente didascalico dell’opera suona per tutti gli uomini un richiamo energico all’azione, all’assunzione di responsabilità, al rigore etico.
Dante si professa ripetutamente credente in un’epoca come la sua in cui era facile essere accusati di eresia (contro i dogmi); tanto Dante ha inteso mantenersi fedele alla dottrina della Chiesa, quanto si è comportato con una estrema libertà. Il fondamento della fede di Dante sono le Sacre Scritture, che egli considera rivelazione divina, quindi ispirata, in tutte le parti dell’Antico e del Nuovo Testamento; dalla Bibbia quindi trae gran parte delle citazioni presenti nel poema. Il primo accadimento che si registra nel tempo è la creazione, alla quale segue il peccato, espressione di opposizione dell’uomo, nella sua libertà, allo stesso Dio, con la conseguente condanna all’infelicità; l’ultimo avvenimento della storia sarà la fine dell’universo creato con il seguente giudizio, che riconoscerà le colpe e l’impegno, il bene e il male, mentre ciascuno verrà risuscitato e vivrà l’eternità nella condizione che Dio gli riserva.
Tracce di inferno e paradiso sono desumibili dalla Bibbia, il purgatorio è una creazione della Chiesa, che trova ampi consensi nel culto e nella pratica dei riti di suffragio; il purgatorio infatti è destinato a sparire insieme a tutta la creazione dopo il giudizio universale. Alla conclusione del regno della luce, Dante riceve una particolare folgorazione che gli consente di contemplare Dio in tre diverse successive visioni; le immagini presenti nel testo poetico non intendono essere immagini di Dio, ma tentativi, di creare attraverso la poesia qualche comunicabilità di una straordinaria esperienza.