Teatro rinascimentale: riassunto e struttura

Appunto inviato da martyjournalist
/5

Teatro rinascimentale: riassunto e caratteristiche delle rappresentazioni teatrali del Rinascimento. Il contesto storico, gli esponenti più famosi e le opere principali (4 pagine formato doc)

TEATRO RINASCIMENTALE RIASSUNTO

Il teatro rinascimentale.

Il teatro rinascimentale ha le sue origini nelle trasformazioni culturali del Medioevo, cioè la rinascita delle città  e la fioritura dei comuni. È sempre presente il modello dei classici greci e latini e soprattutto continua a coesistere con la cultura cristiana; fin dal basso Medioevo si hanno 2 principali trasformazioni riguardo il teatro: 1. Introduzione della psicologia del personaggio (realismo limitato) e 2.
Riconoscimento sociale degli attori e del loro mestiere.
Dal 1200, con i trovatori il mestiere dell’attore è considerato lecito, ma non consigliabile e doveva avere il riconoscimento dall’alto.
Con il Rinascimento quella dell’autore verrà considerata una professione lodevole, come disse Baldassarre Castiglione (autore del Cortegiano) anche se egli diceva che questo mestiere non si addiceva a un uomo di corte.

Artisti del primo Rinascimento

TEATRO RINASCIMENTALE STRUTTURA

Con il Rinascimento inoltre si avrà il passaggio dallo spettacolo all’aperto , nelle chiese o in luoghi occasionali, agli spettacoli rappresentati nei teatri; l’origine del teatro del Rinascimento sono le feste, ossia tutte quelle celebrazioni che venivano istituite dalle corti per celebrare la loro stessa grandezza e durante queste feste c’era l’occasione per rappresentare la realtà ideale, così come avrebbero voluto che fosse.
Anche i festeggiamenti erano sottoposti a questa forma di idealizzazione. Durante le feste di corte si celebravano il Principe e il suo mecenatismo, il suo potere, la sua cultura, gusto e ricchezza e raffinatezza, queste feste coinvolgevano tutta la città e in genere coincidevano con le occasioni private del principe, come il suo matrimonio, la nascita di un erede.. quindi vi era bisogno di un’enorme scenografia dalle strade di accesso fino al palazzo del principe.
Nel 1513 venne organizzata da Papa Leone X una festa in occasione del conferimento della cittadinanza ai suoi parenti, il fratello Giuliano e il nipote Lorenzo de’ Medici.

Rinascimento privato: riassunto breve

TEATRO RINASCIMENTALE ITALIANO

Qui venne eretto un grande teatro in legno in Campidoglio, dove per 2 giorni si svolsero banchetti, vennero rappresentate le “allegorie” e una commedia di Plauto. Non tutte le manifestazioni della festa erano per tutto il popolo, tutti potevano assistere al corteo ma lo spettacolo in teatro era riservato solo ai più ricchi e dabbene, anche se da fuori era possibile ascoltare ciò che avveniva all’interno.
Accanto alle feste di corte c’erano le feste colte nelle Accademie, dove venivano declamati i classici, e le feste private delle case dei possidenti dove si amava leggere, rappresentare, cantare e suonare.
Tutte queste forme di rappresentazione pubbliche o private erano gratuite, la prima forma di teatro a pagamento si ebbe a Firenze e anche a Venezia, dove erano sorti molti luoghi di produzione culturali grazie alla loro tradizione repubblicana, che concedeva più libertà rispetto a Roma.
Presso il convento dei Padri crociferi di Venezia si svolgeva un’attività teatrale molto varia e infatti venne messa in scena il 13 febbraio 1522 la Mandragola di Machiavelli. Leggi anche: Teatro rinascimentale e Barocco: struttura e caratteristiche

Rinascimento privato di Bellonci: riassunto e commento