A ciascuno il suo: riassunto

Appunto inviato da erriko
/5

riassunto, trama e analisi della famosa opera di Leonardo Sciascia "A ciascuno il suo" (2 pagine formato doc)

A ciascuno il suo: riassunto - “A ciascuno il suo” “A ciascuno il suo” Autore Leonardo Sciascia Editore Einaudi Data prima pubblicazione 1966 Luogo di pubblicazione Torino L a vicenda si svolge intorno gli anni `60 in un paesino dell'entroterra Siciliano, in provincia di Palermo.

Il farmacista del paese riceve una lettera anonima, che lo minaccia di morte, nonostante egli non abbia mai avuto problemi né con la giustizia, né con la malavita.

Leggi anche A ciascuno il suo: tematiche del romanzo e vita dell'autore

All'inizio la gente crede che la lettera sia solo uno scherzo, ma si ricrederà, quando il farmacista viene ucciso insieme al Dottor Roscio durante una battuta di caccia. Oltre la polizia, del caso se ne interessa un comune amico: il professor Laurana.
La polizia abbandona le indagini, credendo che la causa della morte dei due, sia stata una relazione segreta del farmacista culminata con l'assassinio.

Leggi anche Scheda libro A ciascuno il suo

Il prof. Laurana, invece, trova subito degli indizi che lo portano a proseguire le indagini. Credeva che la causa dell'assassinio, fosse stato il Dottor Roscio, e infatti il povero farmacista non c'entra niente. Tutte le prove lo portavano sempre di più a vedere in un cugino della moglie di Roscio, l'avvocato Rosello, il mandante dei delitti. Alla fine il prof. Laurana non solo ne ha la certezza, ma arriva anche a supporre che la signora Luisa, moglie di Roscio e gran bella donna, sia l'amante del cugino Rosello, e il marito nel venirne a conoscenza, trova delle prove che potrebbero mandare in galera Rosello, inducendo allora i due amanti ad architettare un piano per ucciderlo.

A ciascuno il suo: recensione e analisi del testo

La signora Luisa, viene a conoscenza delle conclusioni del prof. Laurana, che la vedrebbero colpevole della morte del marito, e decide di incontrarlo in un bar giù in paese: il “caffè Romeris”.