Lo strano caso del Dottor Jekyll e del Signor Hyde: riassunto breve

Appunto inviato da giohila
/5

Lo strano caso del Dottor Jekyll e del Signor Hyde: riassunto breve di tutti i capitoli del romanzo di Stevenson (4 pagine formato doc)

LO STRANO CASO DEL DOTTOR JEKYLL E DEL SIGNOR HYDE: RIASSUNTO BREVE

Lo strano caso del Dr.

Jekyll e del Sig. Hyde di Stevenson.
CAPITOLO N.1: Utterson, era un uomo molto schivo, freddo, non era di certo quel che si può definire uomo di mondo, né tanto meno un gran simpaticone. I suoi unici affetti erano rappresentati dalla stessa famiglia o conoscenti di lunga data... Un'amicizia particolare lo legava a Richard Enfield (guarda caso suo lontano parente).
Per definire quest'amicizia “particolare” sta nel fatto che né l'uno né l'altro avessero passioni comuni; ciò nonostante i due non mancavano mai alla loro passeggiata dime4nicale, anche a costo di dover rinunciare a qualche appuntamento importante.
In una delle loro escursioni capitarono in una strada gremita di gente; dopo aver svoltato l'angolo si ritrovarono affacciati ad un'inconsueta casa portante i segni inconfondibili di un prolungato abbandono.

Scheda libro Lo strano caso del Dottor Jekyll e del signor Hyde

DOTTOR JEKYLL E MR HYDE: RIASSUNTO BREVE

Richard cominciò a raccontare una storia: era notte, la strada completamente deserta illuminata da qualche lampione...

Ad un ceto punto comparvero una bambina che correva in direzione opposta e un uomo da dietro l'angolo... L'impatto fu inevitabile, ma ciò che rese strana la circostanza fu che l'uomo nel proseguire la via, calpestò la bambina senza troppi problemi. Richard lo richiamò, lo guardò inferocito e lo condusse verso la bomba urlante. Fu chiamato un medico, il quale costatò che la bambina fosse solo spaventata e che non mostrava contusioni. I familiari della piccola decisero che l'uomo doveva versare la somma di 100 sterline per l'accaduto. L'uomo, indifferente, andò verso la casa senza finestre e ne uscì con 10 sterline in contanti ed un assegno di 90 sterline, perlopiù con la firma di una persona stimata. Si pensò ad una sorta di ricatto, ma l'indomani fu verificata l'autenticità della firma e dell'assegno. L'uomo in questione era Hyde, un essere deforme nell'insieme che trasmetteva, come dire, ripugnanza a chi lo guardasse. Di questa storia decisero di non parlarne mai più.

Dottor Jekyll e Mister Hyde: riassunto

LO STRANO CASO DEL DOTTOR JEKYLL E DEL SIGNOR HYDE: RIASSUNTO CAPITOLO 2

CAPITOLO N. 2: Dopo la passeggiata, Utterson si recò a casa... L'inquietudine lo pervase e, abbandonando il libro che stava leggendo, si diresse verso lo studio. Dalla cassaforte estrasse un testamento intestato al Dr. Jekyll.
Tra le varie clausole del documento ve n'era una alquanto bizzarra: tutti gli averi del Dr. Jekyll sarebbero divenuti possedimenti del Sig. Edward Hyde in caso di decesso o di scomparsa superiore a tre mesi. Non venendo a capo di questa faccenda, si recò presso un suo amico di lunga data, il Dr. Lanyon.
Utterson fu accolto in sala da pranzo e dopo aver parlato del più e del meno, il legale introdusse l'argomento “Jekyll”. A quanto pareva, nemmeno Lanyon era in contatto con questi da più di dieci anni, perciò non espresse alcuna opinione a proposito del signor Hyde.
L'unica cosa che Utterson apprese fu riguardo a misteriosi studi (folli secondo Lanyon) che provocarono la scissione tra i due amici. Volendo saperne di più, il legale aspettò in vari momenti della giornata il misterioso Hyde... Passarono giorni, finché, una notte, proprio dinanzi all'uscio di casa Hyde, comparve il padrone con fare inquieto. Con un pò d'esitazione, Utterson si fece avanti e cominciarono a conversare. Ciò che ottenne dall'incontro fu l'indirizzo dell'uomo-creatura (sembrava a malapena un umano) e l'aver stampato nella memoria quel viso (o muso?!).
Non dandosi per vinto bussò alla porta di Jekyll. Fu accolto dall'anziano maggiordomo, Poole, il quale disse che il padrone al momento non era in casa. Utterson domandò se fosse a conoscenza di un certo signor Hyde e Poole rispose che il signore aveva piena autonomia in casa Jekyll e che spesso utilizzava il laboratorio.
Utterson rincasò e meditò su quanto aveva scoperto.