Capitoli 7 e 8 de I Promessi Sposi

Appunto inviato da annapan97
/5

Riassunto dei capitoli 7 e 8 de I Promessi Sposi di Alessandro Manzoni (3 pagine formato docx)

In questo capitolo emerge la capacità registica di Manzoni di tirare le fila del discorso.


In casa di Lucia.
All’imbrunire, padre Cristoforo porta ai suoi protetti la desolata notizia del suo insuccesso. Le sue parole sono pervase dalla fiducia in Dio, per questo cerca di calmare l’infuriato Renzo:<<sappiate tutti che io ho già in mano un filo per aiutarvi!>>.


Poi si dirige, “correndo e quasi saltelloni”, verso il convento, dopo aver raccomandato al giovane di recarsi l’indomani da lui. Renzo però non condivide le speranze di fra Cristoforo e minaccia apertamente di uccidere il rivale:<<la farò io la giustizia, io!>>.


Inutilmente Lucia tenta piangendo un’opera di persuasione; in Renzo parla l’odio e anche la gelosia dell’innamorato:<<io non v’avrò; ma non v’avrà neanche lui.
Io qui senza di voi, e lui a casa del…>>. Lucia, disperata, si getta ginocchioni. E allora allo stravolgimento subentra in Renzo un’ira ben diversa, ma un’ ira tuttavia.  A Lucia non rimane che arrendersi al matrimonio per sorpresa. Renzo rasserenato si congeda; è già buio.