Un'isola in via delle rondini: scheda libro

Appunto inviato da alessiomonari
/5

Scheda libro Un'isola in via delle rondini di Uri Orlev, una storia ambientata in Polonia durante la Seconda guerra mondiale. Riassunto, messaggio e significato del romanzo (2 pagine formato doc)

UN'ISOLA IN VIA DELLE RONDINI SCHEDA LIBRO

Un’isola in via delle rondini
Autore: Uri Orlev
Editore: Archimede
Protagonisti: Alex, Bourch, Stashya.
Trama: Si tratta di un romanzo in cui l’autore racconta una parte della terribile esperienza che lui ha vissuto ai tempi dell’occupazione nazista.
La storia è ambientata in Polonia, durante la seconda Guerra Mondiale.
Questo libro racconta la storia di un bambino di nome Alex, un ragazzino ebreo di undici anni che vive nel ghetto di Varsavia con i genitori e un topolino di nome Neve.
A un certo punto della storia, sua mamma scompare nel nulla, viene catturata dai tedeschi, mentre suo padre continua a lavorare in una fabbrica di corde per l’esercito tedesco.

L'isola in via degli uccelli: recensione film

SCHEDA LIBRO DI UN'ISOLA IN VIA DELLE RONDINI

Nella fabbrica Alex conosce un vecchio, Bourch, che gli insegna a far nodi con le corde e gli tiene compagnia quando il papà non c’è, i due diventano amici.
Quando il papà andava a lavorare, lasciava Alex da solo in casa che si andava a nascondere nel soffitto della casa dove abitavano, ma una mattina quando nessuno se l’aspettava arrivarono le SS e iniziarono a catturare tutti per portarli via.
A quel punto, il vecchio Bourch ebbe un piano: lui sarebbe uscito per primo insieme ad Alex e quando fossero arrivati di fronte alle macerie di una casa diroccata, che era stata bombardata nella Prima Guerra Mondiale al numero 78, lui gli avrebbe dato una spinta, ed Alex sarebbe dovuto entrarci, nascondersi lì e aspettare il ritorno del suo papà.
E così successe, Bourch che aveva sempre pronto uno zaino con dentro dei viveri, ci mise la pistola del padre di Alex e, arrivati alla casa, con una spinta buttò dentro Alex in un buco dove poteva entrare solo un bambino.
Il mondo di Alex cambia di nuovo, non solo paura, spari, fame ora anche la solitudine.
Il ragazzo ha ora un solo obiettivo: nascondersi dai tedeschi.

Per questo trasforma il suo rifugio in un nido inaccessibile fra i tetti del ghetto.
Cosi il ragazzo rimane da solo e cerca di sopravvivere al più lungo possibile aspettando il ritorno di suo papà.

L'isola in via degli uccelli: riassunto e commento

UN'ISOLA IN VIA DELLE RONDINI LIBRO TRAMA

Tutti i giorni Alex guarda dalla finestra. Cerano dei ragazzi che giocavano, c’era una ragazzina che tutti i giorni faceva i compiti davanti alla finestra, c’era anche un dottore, e un bullo che picchiava sempre qualcuno dei ragazzi che giocavano. Cosi Alex passava tutta la giornata guardando fuori in strada e usciva solo la sera per cercare da mangiare.
Una notte Alex sente dei rumori dentro la casa. Erano due uomini e un soldato tedesco. Il tedesco stava sparando e Alex terrorizzato ma pieno di coraggio, solo il coraggio che una guerra può far nascere in un ragazzino, prende la pistola del padre e fa fuoco su di lui. Alex parlando con i due uomini scopre che sono ebrei come lui. Uno di loro è ferito. Alex che si ricorda del dottore che abita lì vicino corre a cercarlo. Scendendo le scale della casa del dottore incontra anche la ragazzina dagli occhi blu che faceva sempre i compiti, nei giorni a seguire qualche volta scivola nel quartiere per incontrarsi con lei. Si chiamava Stashya e Alex inizia a scoprire dei sentimenti.
Alla fine del romanzo ritorna anche il papà di Alex e con altri partigiani cercano rifugio fuori Varsavia.
Suo padre non ha trovato più il bambino che aveva lasciato, ma un uomo, che attraverso esperienze sicuramente non positive, è riuscito con grande forza a sopravvivere.