Jeli il Pastore

Appunto inviato da beppe989
/5

Sintesi della novella di Giovanni Verga (1 pagine formato doc)

Jeli è un giovane pastore che passa tutto il tempo pascolando i puledri del padrone nelle pianure e sui monti attorno a Tebiti.
È però solo perché i genitori sono lontani a lavorare. Lì intorno lo conoscono tutti e gli vogliono tutti bene, poiché è un ragazzo gentile e disponibile. Un giorno conosce  e stringe amicizia con don Alfonso, detto il signorino perché figlio di un ricco signore che si trova lì in villeggiatura.

 Stanno spesso insieme ed entrambi invidiano qualcosa dell'altro: don Alfonso ama la vita all'aria aperta e vorrebbe poter fare quello che fa il giovane pastore, mentre a Jeli piacerebbe saper scrivere, ma "non riesce che si possa poi ripetere sulle carta quelle parole che egli ha dette".
Parlano spesso assieme e un giorno il pastorello dice al signorino di aver conosciuto tempo addietro una bella ragazza, Mara di massaro Agrippino, che abitava anch'ella a Tebiti.
In quel periodo gli erano morti anche i genitori e lei e lo sua famiglia lo avevano aiutato ad andare avanti. Poi però si erano spostati in valle a cercare fortuna e lei lo aveva dimenticato. Lui però pensa sempre a lei e ne è ancora innamorato.

Arriva il giorno della festa di San Giovanni, in cui Jeli deve vendere i puledri del padrone. Durante il viaggio verso la valle però un cavallo scappa e cade in un burrone, rompendosi le reni. Giunge il fattore e vedendo che il cavallo è ormai carne da macello, gli spara e consiglia al giovane pastore di non farsi più vedere dal suo padrone.