"La Mandragola" di Niccolò Macchiavelli

Appunto inviato da simonecoslovich
/5

Analisi della commedia considerata il capolavoro del teatro del '500 e un inestimabile classico della letteratura italiana (5 pagine formato doc)

Risposta numero 1(situazioni):

Situazione iniziale: La vicenda ha inizio con l'innamoramento di Callimaco per Lucrezia, e la sua successiva volontà di avvicinarsi ad essa.
La donna è sposata con il dottor Nicia, uomo sciocco e poco astuto. Callimaco con l'aiuto del servo Siro e dell'amico scaltro Ligurio, escogita un piano per il suo raggiungere intento, giocando sul forte desiderio dei due coniugi di avere figli.

Passaggio da situazione iniziale a quella finale: con l'espediente di non poter aver figli, Ligurio propone come agire: farle bere una finta pozione di mandragola, con la scusa che una volta bevuta potrà avere figli, ma il primo che avrà rapporti sessuali con la donna morirà. Il marito Nicia è sconvolto, ma il furbo Ligurio ha una soluzione anche a questo problema: farà accoppiare Lucrezia con un semplice garzone, che ovviamente sarà Callimaco, e morirà dopo aver fatto l'amore con lei.
Ciò tranquillizza Nicia, anche se rimane turbato dal fatto che qualcun altro dovrà andare a letto con sua moglie. Ora resta loro soltanto di convincere la donna a concedersi ad uno sconosciuto: a questo ci pensano la madre Sostrata, che la incoraggia e fra Timoteo, il quale, in cambio di denaro, convince Lucrezia a consumare il rapporto adulterio, perché il conseguimento è positivo, e il peccato sta nel contrastare la volontà del marito. Lucrezia è pronta.

Situazione finale:

Una volta data la finta pozione alla donna che è in attesa a letto, Ligurio, il servo Siro e fra Timoteo, il quale è travestito e finge di essere Callimaco, giungono a casa del messer Nicia. Pronti e cauti catturano Callimaco, travestito da garzone, dalla strada. Lo infilano nel letto con Lucrezia e aspettano affinché si compia ciò che è da farsi. Il giorno seguente Callimaco rivela i dettagli: aveva svelato la sua vera identità a Lucrezia e l'intero piano, lei acconsente ad accoppiarsi con lui e a diventare la sua amante. Nella scena finale tutti sono riuniti da fra Timoteo, contenti per il raggiungimento dei diversi obiettivi. Messer Nicia acconsente ad accogliere in casa Callimaco, contento per la sua futura paternità ed ignaro del legame che il giovane ha con sua moglie.