Il mastino dei Baskerville: riassunto

Appunto inviato da jpse
/5

riassunto del romanzo "Il mastino dei Baskerville" di Conan Doyle (2 pagine formato doc)

Il mastino dei Baskerville: riassunto - RIEPILOGO: In una remota regione dell'Inghilterra, precisamente nel Devonshire (zona paludosa e semi- deserta), tra piccole case distanti tra loro, abitate da allevatori e contadini, tra la brughiera ed i boschi sorge un maniero antico, appartenente da molte generazioni alla famiglia Baskerville.

Questo maniero però è avvolto da molte leggende popolari a sfondo drammatico, che narrano la storia di un gigantesco mastino, più grande e forte di qualsiasi altro cane, che nella notte si aggira intorno al castello per ucciderne il proprietario. Queste leggende incutono forte timore tra gli abitanti della landa, sostenute soprattutto da eventi misteriosi e poco naturali verificatisi nelle circostanze del castello, ove è morto Sir Charles, una delle ultime persone facenti parte della dinastia dei Baskerville.


Il mastino dei Baskerville: recensione

Anche la sua morte misteriosa venne considerata frutto delle opere del male, dalle quali, secondo la leggenda, prende forma il gigantesco mastino. Alla sua morte venne svolta una ricerca per l'eredità, che spettò a Sir Henry, parente lontano di Sir Charles, che, avvisato della sua eredità, si recò a Londra per sistemare le pratiche burocratiche necessarie per i passaggi di proprietà. Nello stesso tempo il Dottor Mortimer, medico di famiglia ed amico di Sir Charles, si recò a Londra nello studio di due detective privati, Sherlock Holmes e Watson per chiedere loro di indagare sulla misteriosa morte del proprietario del maniero. Messi al corrente di tutte le informazioni in possesso, Sherlock Holmes e Watson decisero di indagare, scoprendo così che qualcuno era molto interessato a tutte le mosse del nuovo proprietario del maniero e scoprendo alcuni indizi molto importanti sul caso.

Il mastino dei Baskerville: i personaggi

Messisi d'accordo i due detective decisero di separarsi. Mentre sherlock Holmes sarebbe rimasto a Londra per curare i suoi interessi e seguire tutte le piste dalla base, Watson sarebbe partito per la brughiera insieme a Sir Henry, per ulteriori accertamenti sul posto. Dopo molte indagini sui vicini e sul luogo (tra le quali infinite complicazioni), Watson scoprì con sua grande sorpresa che la brughiera era abitata da un personaggio sconosciuto, che però teneva sotto controllo tutte le sue mosse.