Mio fratello Simple: scheda libro

Appunto inviato da igor2001
/5

Scheda libro del romanzo di Marie-Aude Mural, Mio fratello Simple: descrizione dei personaggi, riassunto e commento (3 pagine formato docx)

MIO FRATELLO SIMPLE: SCHEDA LIBRO

Scheda libro.
Mio fratello Simple

Titolo: Mio Fratello Simple
Autore: Marie-Aude Mural
Editore: Giunti
Luogo di pubblicazione: Firenze
Anno: Marzo 2009
Luogo ed epoca in cui si svolgono i fatti: Parigi
Presentazione del protagonista: Il protagonista è Simple un ragazzo di ventitré anni ma gravemente ritardato al punto di avere solo tre anni celebrali, guidato dal fratello Kleber di appena diciassette anni.
 

Tesina matuirtà sulla disabilità

MIO FRATELLO SIMPLE: PERSONAGGI

Altri personaggi:
I personaggi più presenti nel romanzo sono:
Kleber fratello di Simple;
Aria, Enzo, Corentin, Emmanuel coinquilini dell’appartamento;
Signor Villediot Inquilino del palazzo;
Zhara, Beatrice compagne e amiche di Kleber.
Breve trama: Kleber si trovava sul metrò insieme al fratello Simple che cercava di imitare il suono della porta automatica. Alla stazione salì un uomo con un cane, Simple inizialmente aveva paura, invece poi, chiese al fratello se poteva toccarlo, Simple stava disturbando, faceva tante domande e kleber si sentì  in dovere di chiedere scusa al signore e lo mise al corrente che il fratello era un ritardato mentale, ma il signore neanche lo degnò di uno sguardo, si alzò e alla prossima stazione scese.
Lungo il tragitto, Simple vide che il fratello aveva l’orologio al braccio e pensò, come mai lui non lo avesse, lo chiese al fratello e lui esausto gli ricordò che lo aveva avuto pure lui ma che lo aveva rotto per vedere se dentro c’era un omino. Si diressero verso l’abitazione della loro zia, Simple si presentò con una pistola e rivolgendosi alla zia disse: < ti ammazzerò con la mia stopila! > La zia si spaventò ma, Kleber la seguì e la rassicurò dicendole, che era solo una pistola giocattolo. Kleber telefonò al padre per fargli sapere che erano arrivati dalla zia, nel mentre Simple giocava con il suo pupazzo preferito, un coniglio dal nome signor Migliotiglio. Kleber non voleva che il fratello fosse messo nell’istituto di Malicroix e al loro padre quando telefonava, gli diceva che andava tutto bene. Pensava che doveva farcela, ma si doveva organizzare al più presto per cercare un appartamento per loro due, perché l’estate stava finendo e lui doveva rientrare a scuola, Kleber, infatti, aveva solo diciassette anni, mentre suo fratello Simple aveva ventitré anni, ma tre cerebrali, cioè ragionava come un bambino di tre anni.
 

MIO FRATELLO SIMPLE: RIASSUNTO

Una sera durante una passeggiata entrarono in un market per acquistare del cioccolato e quando erano alla cassa, kleber notò un annuncio in cui diceva che degli universitari cercavano due inquilini per condividere un appartamento, si segnò subito il numero e rientrarono a casa.
Simple appena rientrato a casa decise di fare un bagno caldo, combinò un mare di guai, rovesciò mezza bottiglia di bagnoschiuma, immerse i suoi giochi dentro  la vasca e inzuppò il Signor Migliotiglio, Kleber  entrò e quando vide quel disastro, disse: < oh  M…a! >Simple rimproverò il fratello e disse: Kleber strizzò il peluche e lo andò a stendere per le orecchie, per farlo asciugare.